alice lifestyle leonardo marcopolo

Quando si parte per le vacanze con i bambini, la frase che prima o poi sentirete durante il viaggio sarà: “Quanto manca ancora all’arrivo? Siamo arrivati?”.

È inevitabile, prima o poi i bambini iniziano ad avvertire la stanchezza o la noia del viaggio (in auto soprattutto) e chi è destinato ad ascoltare le loro lamentele sono senza dubbio i genitori.

D’altro canto bisogna capirli, sono sempre bambini e non è semplice per loro pazientare talvolta per ore e ore prima dell’arrivo a destinazione. A quel punto sta a voi genitori, mamme in particolar modo, cercare degli escamotage per risolvere il problema.

Ecco, allora che, giocattoli a parte, diventa fondamentale l’uso della vostra fantasia per inventare giochi da fare tutti insieme mentre si è in moto.

Uno fra tutti è il gioco del navigatore. Semplice, nominate il vostro bambino “capitano” dell’auto e, dunque, guida e condottiero del viaggio. In tal modo il piccolo resterà sempre vigile e attento ad ogni strada e ad ogni luogo senza annoiarsi…troppo.

Il “sacchetto delle sorprese” può essere un’idea per “tenere sulle spine” il bimbo riuscendo ad accattivarsi la sua pazienza…almeno per qualche altro minuto! Il trucco consiste nel mettere dentro il sacchetto qualche giochino o gustosa leccornia da scoprire tappa dopo tappa oppure ora per ora. A voi la modalità da seguire in base soprattutto al livello di pazienza del vostro bambino.

Quando si viaggia con i bambini arriverà, poco tempo dopo essere partiti, anche il momento della frase: “ho fame” oltre il solito “devo andare urgentemente in bagno” anche se prima di uscire di casa si è passati prima di lì. Per quest’ultimo problema proprio non possiamo aiutarvi se non consigliarvi vivamente di fermarvi in autogrill o in una piazzetta di sosta, sarà anche un modo per sgranchirvi le gambe. Mentre per il languorino che prima o poi inizia a farsi sentire, è sempre meglio avere con sé degli snack come cracker, semplici biscottini o della frutta. E non dimenticate che con l’appetito arriva anche la sete…! 

Un oggetto molto utile ma che talvolta passa proprio di mente sono le tendine parasole. Sarà capitato a tutte le mamme di doversi ingegnare con maglioni, giacchetti e quant’altro da incastrare al vetro del finestrino per proteggere il vostro bambino dai raggi solari. Ma non temete, anche se non li avete con voi potete sempre trovarli in vendita in qualche autogrill.

Non dimenticate, mi raccomando, i migliori amici di tutte le mamme quando si viaggia: salviettine umidificate, sacchetti per l’immondizia e soprattutto…tanti fazzoletti per ogni evenienza!

Leggi anche:

Bimbi al sole, ossa più sane

Giochi in spiaggia: come stimolare il bambino

Share This