I rimedi naturali per il mal di gola
Tosse secca o grassa? Curatela con i rimedi naturali
Tosse e raffreddore? Ecco i rimedi naturali

Come per l’influenza o il mal di gola, tosse e raffreddore sono di solito causati da un virus o da altre motivazioni che possono essere risolte anche con l’aiuto di semplici rimedi naturali. Certo, a seconda dell’avanzamento o della gravità del malanno, i rimedi naturali avranno un effetto più o meno efficace, ma bere tisane o infusi di erbe non può fare altro che aiutare a guarire.

Il raffreddore è una malattia provocata da una particolare famiglia di virus chiamata “rinovirus” che, nel momento in cui trova condizioni favorevoli attacca alcune cellule delle vie respiratorie. L’infiammazione che deriva da questo attacco, poi, provoca la dilatazione dei vasi sanguigni che irrorano la mucosa nasale; si richiamano così liquidi nella parte, si produce muco e il passaggio dell’aria viene ostacolato. Nel caso del raffreddore, il passaggio del virus può avvenire sia per via aerea sia per contatto. Tuttavia, essendo il rinovirus piuttosto fragile, il passaggio da una persona all’altra avviene principalmente per contatto.  

Vediamo quali sono i rimedi naturali per contrastare il raffreddore.

Decotto di liquirizia
Un metodo efficace e anche gustoso per stroncare il raffreddore sin dai primi sintomi è il decotto di liquirizia. Basta far bollire 50 gr di bastoncini di liquirizia in un litro d’acqua per 15 minuti. Filtrate il liquido, dolcificate con miele e bevetelo durante il giorno.

Infuso delle tre erbe
Mettete in un sacchetto di tela 10 gr di ognuna delle seguenti erbe: timo serpillo, eucalipto e lavanda. Ponete un cucchiaino di questa miscela in infusione per 10 minuti in una tazza di acqua calda; filtrate, dolcificate con miele e bevetene 2-3 tazze al giorno.

Inalazioni alla maggiorana
Per aiutare la respirazione, versate una manciata di sommità fiorite di maggiorana in un litro di acqua bollente. Filtrate e inalate i vapori più volte al giorno.  

Non solo erbe
Un rimedio popolare particolarmente utile in caso di raffreddore è il burro di cipolle. Si prepara facendo cuocere 3 cipolle bionde con pochissima acqua fino a ridurle in purea. Si usa spalmato sul pane o per condire verdure e cereali. Questo composto ha, inoltre, notevoli proprietà diuretiche. 

Continuate a scoprire i rimedi naturali per curare la tosse!

Leggi anche

I rimedi naturali per il mal di gola 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Salute

Combattere le allergie è uno di quei problemi molto difficili da risolvere e, in alcuni casi, addirittura da controllare. Che si tratti di polline, peli, polvere o alimenti, le allergie sono una grave difficoltà per milioni di persone in tutto il mondo. Tempo e denaro vengono spesi per cercare di gestire al meglio le proprie allergie ma, sempre più spesso, il risultato finale è deludente. La soluzione migliore per combattere le allergie è cercare di prevenirle. Se si soffre, ad esempio, di allergia ai pollini, evitate le ore pomeridiane dalle 17:00 alle 10:00, quando in genere c’è una maggiore concentrazione di polline. È importante, inoltre, limitare l’esposizione agli allergeni anche in casa, pulendo con cura tappeti, moquette, letti e qualsiasi tipo di mobilio imbottito, dove gli acari tendono a concentrarsi. Ricordate di indossare una mascherina quando iniziate a pulire casa. Al di là delle dovute precauzioni, esistono dei rimedi naturali per combattere, o meglio alleviare, le allergie. Vediamole di seguito. Allergie rimedi: aceto di mele L'aceto di mele è un vecchio rimedio che contribuisce a purificare il sistema linfatico. È ideale non solo per combattere e prevenire le allergie, ma anche per favorire la digestione e la perdita di peso. Basterà versare un cucchiaino di aceto di mele non filtrato in un bicchiere d'acqua e bevetelo tre volte al giorno. Allergie rimedi: quercetina La quercetina è un bioflavonoide naturale che contribuisce a ristabilire il livello dei mastociti, impedendo loro di liberare istamina. La quercetina è anche un potente antiossidante, utile per ridurre possibili infiammazioni. Questo bioflavonoide naturale viene anche assunto circa 4-6 settimane prima della stagione delle allergie per aiutarne a prevenire i sintomi. Come tutte le erbe medicinali, è opportuno rivolgersi al medico di fiducia per la somministrazione. In particolare se soffrite di problemi al fegato o se siete in stato di gravidanza. La quercetina non è raccomandata neanche durante il periodo dell'allattamento, anche se alcuni dottori ritengono che sia sicura dopo il primo trimestre. Allergie rimedi: ortica Le foglie di ortica sono un altro antistaminico naturale che può essere molto efficace per combattere le allergie perché blocca la capacità dell'organismo di produrre istamina. Non è difficile trovare foglie di ortica in natura e sono ottime per preparare un infuso o un fumento naturale. Se una sola tisana non dovesse sortire gli effetti sperati, potete integrarla con delle capsule a base di foglie di ortica essiccate. Un'opzione più semplice ed efficace. Una tisana all'ortica può essere utilizzata anche per avere un po' di sollievo dall'allergia. Basta mescolare foglie di menta piperita e foglie di lampone rosso per preparare una tisana calmante e rinfrescante. Allergie rimedi: miele Non ci sono prove scientifiche a riguardo, ma pare che il consumo di miele locale (prodotto cioè nella zona in cui si vive) aiuti ad alleviare l'allergia al polline. La teoria a riguardo è che il consumo di miele locale aiuti il proprio organismo ad adattarsi meglio agli allergeni presenti in quel luogo. Prendete un cucchiaino di miele al giorno, anche due, cercando di consumare il miele del luogo più vicino possibile a dove vivete. In questo modo si contribuisce ad alleviare i sintomi. È consigliabile iniziare l'assunzione del miele un mese prima della stagione delle allergie. Leggi anche I rimedi naturali per una pelle senza imperfezioni Tosse secca o grassa? Curatela con i rimedi naturali Curiosità sugli alimenti salvainfluenza
CONDIVIDI

Alimentazione

Accade spesso, quando si segue una dieta, di non conoscere le calorie degli alimenti concessi. Le calorie degli alimenti, invece, sono proprio la base da cui partire non solo per avere un'alimentazione corretta, ma anche un equilibrato regime dietetico. Di seguito, vi forniamo un breve elenco delle calorie contenute in alcuni tra i più comuni alimenti consentiti in una dieta. Calorie degli alimenti: mela Le calorie contenute in 100 grammi di mela Calorie: 47,5 kcal Carboidrati: 11,3 g Proteine: 0,4 g Grassi: 0,1 g Fibre: 0,1 g Una comune mela (112 g) contiene in media 53 kcal. Calorie degli alimenti: avocado Le calorie contenute in 100 grammi di avocado Calorie: 190.0 kcal Carboidrati: 1,9 g Proteine: 1,9 g Grassi: 19,5 g Fibre: 3,4 g Un comune frutto di avocado (145 g) contiene 275 kcal. Calorie degli alimenti: banana   Le calorie contenute in 100 grammi di avocado Calorie: 95,0 kcal Carboidrati: 20,9 g Proteine: 1,2 g Grassi: 0,3 g Fibre: 4,2 g Le calorie contenute in una banana media (102 g) sono di 96,9 kcal. Calorie degli alimenti: uva Le calorie contenute in 100 grammi di uva Calorie: 61,5 kcal Carboidrati: 15,2 kcal Proteine: 0,4 g Grassi: 0,1 g Fibre: 0,7 g Calorie degli alimenti: kiwi Le calorie contenute in 100 grammi di kiwi Calorie: 49,0 kcal Carboidrati: 10,6 g Proteine: 1,1 g Grassi: 0,1 g Fibre: 0,7 g Le calorie contenute in un normale kiwi (28 g) sono 14 kcal. Calorie degli alimenti: melone   Le calorie contenute in 100 grammi di melone Calorie: 29,5 kcal Carboidrati: 7,0 g Proteine: 0,7 g Grassi: 0,1 g Fibre: 0,5 g Le calorie contenute in una fetta di melone di media grandezza (28 g) sono 8,3 kcal. Calorie degli alimenti: arancia Le calorie contenute in 100 grammi di arance Calorie: 62,1 kcal Carboidrati: 15,6 g Proteine: 1,0 g Grassi: 0,3 g Fibre: 3,2 Le calorie contenute in un'arancia di media grandezza (160 g) sono 99,4 kcal. Calorie degli alimenti: pera   Le calorie contenute in 100 grammi di pere Calorie: 34,7 kcal Carboidrati: 8,4 g Proteine: 0,3 g Grassi: 0,1 g Fibre: 1,3 g Le calorie contenute in una normale pera (170 g) sono circa 59 kcal. Calorie degli alimenti: mandarino Le calorie contenute in 100 grammi di mandarini Calorie: 25,6 kcal Carboidrati: 9,5 g Proteine: 0,6 g Grassi: 0,2 g Fibre: 1,3 g Un mandarino medio (70 g) contiene circa 18 kcal. Calorie degli alimenti: fragole Le calorie contenute in 100 grammi di fragole Calorie: 27,6 kcal Carboidrati: 5,9 g Proteine: 0,8 g Grassi: 0,9 g Fibre: 7,7 g Le calorie contenute in una ciotola media di fragole (28 g) sono 7,7 kcal. Leggi anche La dieta Go Dieta a zona: dimagrire con equilibrio Dieta Lampo: dimagrire in una settimana
CONDIVIDI

Dieta

La dieta Go, (la dieta dei dottori Jack Goldberg e Karen O' Mara) rientra nel gruppo delle diete dimagranti low carb. La dieta Go è, dunque, una dieta povera di carboidrati, ricca di fibre e con un elevato contenuti di grassi monoinsaturi. La dieta non prevede il conto delle calorie: vengono misurati solamente i carboidrati, i grassi saturi e le fibre. Per ogni pasto, infatti, andrebbero assunti non più di 12-15 grammi di carboidrati netti, per un massimo 50 grammi giornalieri. La praticità della dieta Go è che, carboidrati a parte, è possibile mangiare quanto si vuole. Nulla di rigido né di impossibile nella dieta Go, una dieta dimagrante considerata da molti "dolce", dal momento che parliamo di una dieta di breve durata e che punta diritta all'obiettivo. Ma conosciamo meglio la dieta Go. Dieta Go: il calcolo dei carboidrati I dottori G. & O. distinguono i carboidrati in "netti" o "effettivi": da ogni alimento vengono sottratti i grammi delle fibre, così da stabilire il numero esatto di carboidrati. Una volta calcolato il numero esatto di carboidrati, organizzate i pasti della giornata. Tenete presente che la dieta Go prevede il consumo di un massimo di 12-15 grammi di carboidrati in un solo pasto, per un totale di 50 grammi netti al giorno. Dieta Go: i grassi monoinsaturi La dieta Go non è una dieta priva di grassi. Ma il 50% dei grassi previsti dalla dieta Go sono monoinsaturi, grassi contenuti in frutta secca, semi, olio d'oliva, olive e avocado. Senza contare le varie tipologie di carne, come il pollo e il manzo magri. Dieta Go: le fibre La dieta Go prevede almeno 25 grammi di fibre al giorno. Per fibra, nel caso della dieta Go, s'intende la crusca di grano, di avena e, meglio ancora, di mais. Sono ottimi anche i semi di lino e alcuni cereali ricchissimi di fibre come All-Bran e Fiber One. Dieta Go fase per fase Dieta Go: fase 1 La prima fase della dieta Go dura 3 giorni ed è una fase molto delicata perché cambia il proprio stile di vita. L'obiettivo di questi primi 3 giorni è quello di ridurre l'assunzione dei carboidrati. Potete mangiare quanto volete, purché rimanete nel limite dei 12-15 grammi di carboidrati netti per pasto e nei 50 grammi complessivi al giorno. Sono concessi tre pasti al giorno e tutti i fuori pasto che desiderate. I cibi consentiti sono carne, pesce, verdure, uova, la maggior parte di frutta secca e dei semi e alcuni latticini. Dieta Go: fase 2 Dal quarto al settimo giorno l'obiettivo è diverso: promuovere l'assunzione di elevati livelli di grassi monoinsaturi e spostare l'assunzione dei grassi lontana da quelli saturi. Nel caso di alimenti poveri di grassi monoinsaturi, basta compensare aggiungendo della frutta secca, qualche avocado e dell'olio d'oliva. Dieta Go: fase 3 La terza ed ultima fase della dieta Go è il mantenimento. È questa la fase in cui aggiungere fibre e nutrienti. La cosa fondamentale è raggiungere i 25 grammi di fibre al giorno nelle modalità sopra indicate. Leggi anche Dieta South Beach: come dimagrire in salute Come bruciare le calorie per dimagrire I 9 cibi che stimolano l'appetito
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv