I rimedi naturali per il mal di gola
Tosse secca o grassa? Curatela con i rimedi naturali
Tosse e raffreddore? Ecco i rimedi naturali

Come per l’influenza o il mal di gola, tosse e raffreddore sono di solito causati da un virus o da altre motivazioni che possono essere risolte anche con l’aiuto di semplici rimedi naturali. Certo, a seconda dell’avanzamento o della gravità del malanno, i rimedi naturali avranno un effetto più o meno efficace, ma bere tisane o infusi di erbe non può fare altro che aiutare a guarire.

Il raffreddore è una malattia provocata da una particolare famiglia di virus chiamata “rinovirus” che, nel momento in cui trova condizioni favorevoli attacca alcune cellule delle vie respiratorie. L’infiammazione che deriva da questo attacco, poi, provoca la dilatazione dei vasi sanguigni che irrorano la mucosa nasale; si richiamano così liquidi nella parte, si produce muco e il passaggio dell’aria viene ostacolato. Nel caso del raffreddore, il passaggio del virus può avvenire sia per via aerea sia per contatto. Tuttavia, essendo il rinovirus piuttosto fragile, il passaggio da una persona all’altra avviene principalmente per contatto.  

Vediamo quali sono i rimedi naturali per contrastare il raffreddore.

Decotto di liquirizia
Un metodo efficace e anche gustoso per stroncare il raffreddore sin dai primi sintomi è il decotto di liquirizia. Basta far bollire 50 gr di bastoncini di liquirizia in un litro d’acqua per 15 minuti. Filtrate il liquido, dolcificate con miele e bevetelo durante il giorno.

Infuso delle tre erbe
Mettete in un sacchetto di tela 10 gr di ognuna delle seguenti erbe: timo serpillo, eucalipto e lavanda. Ponete un cucchiaino di questa miscela in infusione per 10 minuti in una tazza di acqua calda; filtrate, dolcificate con miele e bevetene 2-3 tazze al giorno.

Inalazioni alla maggiorana
Per aiutare la respirazione, versate una manciata di sommità fiorite di maggiorana in un litro di acqua bollente. Filtrate e inalate i vapori più volte al giorno.  

Non solo erbe
Un rimedio popolare particolarmente utile in caso di raffreddore è il burro di cipolle. Si prepara facendo cuocere 3 cipolle bionde con pochissima acqua fino a ridurle in purea. Si usa spalmato sul pane o per condire verdure e cereali. Questo composto ha, inoltre, notevoli proprietà diuretiche. 

Continuate a scoprire i rimedi naturali per curare la tosse!

Leggi anche

I rimedi naturali per il mal di gola 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Alimentazione

Da adolescenti quante volte abbiamo sentito la frase “ se mangi la cioccolata ti vengono i brufoli” e in parte è vero, anche se in realtà era anche una scusa per non farci esagerare con i dolci. Ma di acne non soffrono soltanto gli adolescenti, vi sarà capitato infatti, di avere un brufolo o un bubbone al momento sbagliato, ad esempio il giorno del matrimonio o in prossimità di un evento importante. Ci sono molti fattori che causano l’acne e la correlazione tra alimentazione e acne è ancora oggetto di ricerca. Alcuni studi hanno dimostrato i collegamenti tra alcuni alimenti scatenanti e le fiammate dell'acne. Ecco alcuni alimenti che possono portare al peggioramento dell’acne. Alimenti che causano l'acne: latticini Uno studio della Harvard School of Public Health indica che i prodotti lattiero-caseari, e in particolare il latte scremato, possono scatenare l'acne. È stato dimostrano che alcuni prodotti lattiero-caseari possono aggravare l'acne a causa del loro contenuto di ormoni e molecole bioattive. Le mucche ricevono ormoni per aumentare la produzione di latte, e residui di quegli ormoni passano all'uomo nel latte. Ciò può causare un aumento della produzione di sebo (olio) , che ostruisce i pori e permette ai batteri di crescere sulla pelle, che porta a infiammazione della pelle e acne. Alimenti che causano l'acne: lo zucchero Lo zucchero è giustamente considerato la causa di molti problemi di salute legati all'alimentazione, ed è ancheun possibile agente per le fiammate dell'acne. Ingerire molto zucchero provoca un aumento di livello dello zucchero nel sangue che stimola la produzione di insulina. Picchi costanti di insulina nel sangue possono portare a insulino-resistenza , che aumenta la produzione di sebo e lo sviluppo dei sintomi dell'acne. Gli alimenti con indice glicemico elevato L'indice glicemico indica quanto velocemente un carboidrato entra nel flusso sanguigno. Uno studio suggerisce che una dieta a basso carico glicemico può migliorare non solo i sintomi di acne vulgaris, ma anche la sensibilità all'insulina del paziente. Mangiare cibi con un alto indice glicemico, come ad esempio i carboidrati raffinati come la pasta, può causare un picco di zucchero nel sangue, che porta alla generazione di insulina in eccesso e, di conseguenza, all'infiammazione. Naturalmente nessuno dice di evitare alimenti necessari come il latte, la pasta e qualche dolce ma mangiarli con moderazione e secondo un regime alimentare controllato. Ne guadagneremo in salute e in bellezza. Leggi anche: I 5 alimenti che mantengono la pelle giovane I 5 alimenti che ti rendono più attraente 5 segreti di bellezza per la donna
CONDIVIDI

Alimentazione

Pare che dimagrire sia tutta questione di...naso! Una delle ultime frontiere in tema dieta, è la dieta dell'olfatto, un regime dietetico in grado di far dimagrire senza troppe rinunce. Come funziona la dieta dell'olfatto Pare che il segreto su cui si basa la dieta dell'olfatto, è un appagamento non solo del senso del gusto, ma anche dell'olfatto. Secondo numerosi studi, infatti, l'80% circa di ciò che si crede sapore, è in realtà il profumo del cibo: le molecole che compongono l'aroma di un alimento sono in grado di attivare aree del cervello che regolano l'appetito e il senso di sazietà. Pare, infatti, che alcuni profumi regalano una sensazione di sazietà e appagamento, fino ad eliminare spontaneamente la quantità di cibo ingerito e, dunque, le calorie. Via libera, dunque, sulla dieta dell'olfatto che, puntando sul profumo di aromi anti-fame, offre il vantaggio di esaltare il sapore di piatti leggeri e salutari. Sembra, inoltre, che alcuni alimenti siano in grado più di altri di stimolare i centri nervosi della sazietà. Come agisce la dieta dell'olfatto? Avviene tutto attraverso un meccanismo biochimico molto complesso ma semplice da capire. È chiaro, ad esempio, quando abbiamo un raffreddore: essendo molto difficile sentire gli odori mentre mangiamo, l'appetito diminuisce sensibilmente. E anche il sapore viene meno, dal momento che viene percepito dai recettori della mucosa nasale. Pensate, l' 80% di quelli che reputiamo sapori, altro non sono che il profumo del cibo. A dimostrare l'influenza dell'olfatto sull'appetito ci sono anche gli studi dello psicologo statunitense Bryan Raudenbush. Lo studioso ha ha chiesto a 40 persone di annusare essenza di menta piperita ogni due ore per 5 giorni. Il gruppo avrebbe perso circa 1800 calorie in meno rispetto all'apporto energetico abituale. Quali sono le essenze per dimagrire Ad ogni stato d'animo la sua essenza. Per chi teme, infatti, di non riuscire a dimagrire, facendosi dominare dall'ansia, il consiglio è arancia dolce e cannella. La vaniglia è ideale per superare i momenti critici di una dieta: il suo profumo avvolgente e goloso riduce il desiderio di dolci, cioccolato e bibite gassate. Stimola, poi, la produzione di seratonina, l'ormone della tranquillità e della felicità. Il gelsomino, invece, è un euforizzante e stimola l'ippotalamo a produrre l'encefalina, sostanza che, oltre ad inibire il dolore, procura uno stato di serenità e benessere. Come utilizzare gli odori nella dieta dell'olfatto Il modo migliore di giovare della dieta dell'olfatto è inserire spezie e aromi nei pasti quotidiani, piuttosto che ricorrere alle essenze. Facciamo scorta allora di foglie di menta, bucce grattugiate di agrumi (arance, limoni, bergamotto), gelsomino, bacche di vaniglia e cannella. Ricette per la dieta dell'olfatto La dieta dell'olfatto include anche ricette profumate come il tè al gelsomino o il lassi, un rimedio ayurvetico a base di yogurt aromatizzato. Come si prepara? Frullate 2-3 cucchiai di yogurt cremoso con una parte di acqua oligominerale e raggiungete una consistenza omogenea non troppo densa. Insaporitelo con spezie, erbe o frutti esotici a piacere. La dieta dell'olfatto in cucina In cucina, infine, la dieta dell'olfatto può essere seguita usando le essenze alimentari: qualche goccia di fragranze come arancio, vaniglia, rosa e mandorle. Oltre a conferire ad ogni ricetta un profumo dolce e appetitoso, tirano su l'umore e hanno un effetto tranquillizzante. Leggi anche Dieta in menopausa Dieta dimagrante delle 3 ore Dieta depurativa e sgonfiante
CONDIVIDI

Bellezza

Ci sono dei giorni in cui il nostro viso è davvero stanco: occhiaie, colorito spento, gonfiore. Capita, e a volte non al momento giusto, come quando si ha un colloquio o un appuntamento importante. Cosa fare allora? Dopo una notte agitata oppure quando ci si sente male, si può contare su alcuni prodotti di make up strategici, che migliorano l'aspetto della pelle stanca e degli occhi gonfi. Con pochi prodotti e una corretta applicazione, il nostro viso ritornerà "presentabile". Idratare la pelle per nascondere la stanchezza dal viso È necessario pulire e idratare la pelle per risvegliare la carnagione. Un volto colorato può fare una grande differenza. Ma invece di un fondotinta coprente, che enfatizza la secchezza, optate per una crema idratante colorata leggera, come una BB Cream ad esempio, che uniforma il tono della pelle e dona alla pelle un aspetto fresco. Se avete delle occhiaie vistose oppure macchie, utilizzate un correttore solo in quei punti. Come nascondere la stanchezza dal viso Un tocco di colore sulle guance può illuminare all’istante il volto. Utilizzate il fard, da avere sempre in borsa, oppure scegliete un bronzer in una tonalità calda, ideale soprattutto in questo periodo con la pelle abbronzata. [caption id="attachment_11324" align="alignnone" width="622"] I rimedi per il viso stanco[/caption] Applicate questi prodotti  lungo la linea dei capelli, sulle tempie, sul lato del viso e sotto le guance, per riscaldare la vostra carnagione. Se la vostra pelle tende a diventare grassa, applicare la polvere solo sulle classiche zone del viso (di solito fronte, naso e mento). I rimedi per gli occhi stanchi Gli occhi quando diventano stanchi possono arrossarsi e gonfiarsi, per cui meglio evitare il trucco scuro, specialmente sulla palpebra inferiore, che sottolinea  stanchezza e gonfiori. Utilizzate un ombretto chiaro, possibilmente in crema, sulla palpebra per uniformare il tono della pelle. Poi utilizzate un piegaciglia per alzare lo sguardo e applicate mascara in abbondanza sulle ciglia superiori. Evitate inoltre, di applicare il correttore troppo vicino alla vostra linea delle ciglia inferiori, in quanto metterà in risalto il gonfiore. Come nascondere le occhiaie La prima mossa che viene in mente è quella di applicare tanto correttore, ma non è proprio la soluzione più adeguata, perché creandosi uno doppio strato, si rischia di enfatizzare le occhiaie, oppure troppo prodotto potrebbe causare pieghe e sottolineare le linee sottili. Scegliete un correttore con una o due tonalità più leggere del tono della pelle e applicatelo sulla zona sotto gli occhi. Per dare ai vostri occhi con uno sguardo più luminoso, aggiungete un po’ di ombretto chiaro nell’angolo interno. Idratare le labbra per un viso luminoso Alcune formule di rossetto, come quelle opache, tendono a seccare labbra e sottolineare le linee delle labbra. Scegliete un rossetto idratante con tonalità chiare, in quanto tendono a rendere le tue labbra un aspetto più pieno. Un tocco di gloss aggiunge un tocco glamour e rende le labbra più morbide. Se invece vi piacciono le tonalità opache, applicate prima del rossetto un balsamo per le labbra. Suggerimenti per evitare la stanchezza al viso Qui ci sono alcuni suggerimenti in più che potete seguire per avere un aspetto più sano e più bello: Bere molta acqua. Utilizzare una maschera illuminante prima di applicare il trucco. Mettere due cucchiai in freezer fino a quando diventano freddi e poi premere delicatamente sotto gli occhi per qualche minuto per decongestionare il gonfiore. Mantenere la vostra crema idratante viso e il contorno occhi in frigorifero. Applicare questi prodotti freschi aiuta a sgonfiare il viso. Portate con voi un toner idratante o acqua profumata in borsa. Una spruzzata in viso e sul corpo e sarete fresche tutta la giornata. Leggi anche: Make up: come nascondere le rughe dal viso Come ringiovanire la pelle del viso in 5 mosse Crema per il viso: come applicarla correttamente  
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv