In linea durante le cene natalizie!
Rughe da smartphone: tecnologia VS bellezza!
Tisane al finocchio pericolose secondo l'Inran

L'Inran, l'ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti, raccomanda di non dare tisane digestive al finocchio a neonati, bimbi sotto i quattro anni e donne in gravidanza, poiché contengono estragolo, sostanza cancerogena presente nei semi di finocchio. L'indicazione deriva da uno studio su queste tisane, molto utilizzate non solo come digestivo per grandi e piccoli, ma soprattutto come rimedio naturale per le coliche dei neonati e per favorire la produzione del latte nelle mamme durante l'allattamento.

 

Nel 2001 l'estragolo era stato riconosciuto a livello europeo come sostanza cancerogena e tossica per i geni, tanto da bandirne l'aggiunta come aromatizzante agli alimenti. La ricerca, realizzata nell'ambito del progetto europeo Facet, finanziato nel VII Programma Quadro, in cui l'Inran coordina il sottoprogetto sugli aromi alimentari, ha permesso per la prima volta di stimare l'esposizione all'estragolo associata al consumo di tisane al finocchio analizzando prodotti in commercio. I ricercatori hanno studiato i prodotti più venduti in Italia: 9 tisane vendute in bustine da tè, 7 tisane istantanee, un campione di semi sfusi acquistati in 6 differenti erboristerie di Roma. Ogni tisana è stata preparata con 100 ml di acqua bollente e un tempo standard di infusione di 7 minuti. È emerso un eccesso di estragolo quindi il consumo di tisane non è considerabile sicuro, almeno per i neonati, spiega l'autore della ricerca Antonio Raffo.

 

Questi risultati confermano dunque le recenti indicazioni in materia dell'Ema, secondo cui il consumo di tisane al finocchio non è raccomandato nei bambini sotto i 4 anni, nè per donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Curiosità

Migliorare lo studio è l'obiettivo di ogni studente. Ma per farlo sarà il caso di tornare alle origini e partire dal metodo di studio che si possiede. Ecco allora 6 utili consigli per migliorare la memoria e il proprio metodo di studio senza problemi. Migliorare lo studio: lo spazio Prima di iniziare a studiare, occorre fare spazio mentalmente e fisicamente allo studio. Fate un respiro profondo e scegliete una parte o una stanza della casa in cui organizzare il vostro angolo studio. È una scelta molto importante, perché è proprio questo ambiente che vi aiuterà a trovare la tranquillità giusta per affrontare un pomeriggio di studio. Può esservi utile avere con voi il vostro snack preferito, da sgranocchiare tra una pagina e l'altra. Migliorare lo spazio fisico contribuisce a migliorare il vostro spazio mentale e, dunque, lo studio. Migliorare lo studio: il ritmo Il primo obiettivo è capire quale sia il vostro ritmo di studio. Ogni studente ha i suoi tempi per studiare. In vista di un esame, ad esempio, ci sono i “maratoneti” che amano studiare step by step, distribuendo il carico di studio in modo equilibrato e costante; oppure c’è chi preferisce studiare ad un passo più veloce, concentrando lo studio negli ultimi giorni prima dell’esame. Qualunque sia il vostro ritmo, non dimenticate mai di fare pause. L’ideale in una sessione di studio sono 10 minuti di riposo ogni 30 minuti di studio. Migliorare lo studio: la memoria Imparare a conoscere come funziona la memoria è fondamentale per migliorare lo studio. La memoria si focalizza sulle prime e le ultime informazioni lette. Qualunque cosa si tenti di ricordare, balenerà subito alla mente la parte iniziale e finale della sessione di studio, avendo ricordi più vaghi dell’argomento centrale. Cercate di concentrare all'inizio e alla fine del vostro studio le informazioni cardini. In questo modo riuscirete a focalizzare l’attenzione sui temi più importanti. Migliorare lo studio: il metodo Il metodo di studio è tutta questione di organizzazione. Prima di affrontare un esame, cercate di stabilire un piano di lavoro. Per quanto vasto e complesso possa sembrarvi la mole di studio, si trova sempre un piano per gestirlo. Cercate gli elementi chiave dell'argomento che state trattando e divideteli in macro blocchi di informazioni. Questo trucchetto vi aiuterà a focalizzare meglio i punti principali dell'esame. Migliorare lo studio: le mappe mentali Le mappe mentali sono degli schemi pensati e organizzati per delineare visivamente le informazioni. È possibile creare mappe mentali prendendo come punto di riferimento la frase principale di un argomento, e da questa sviluppare categorie minori ad essa collegate. Le sottocategorie aiutano gli studenti a focalizzare argomenti legati al tema di riferimento ma non meno importanti. Le mappe mentali sono molto più efficienti dei comuni elenchi, perché mostrano visivamente i collegamenti all'argomento di studio. Inoltre, uno dei trucchi più comuni utilizzati da professionisti ma anche da studenti è il gioco con le parole chiave. Numerose ricerche hanno dimostrato che "giocando" con le keywords di un argomento, rendendole divertenti o, addirittura, disegnandole, è davvero semplice memorizzarle. Un metodo per migliorare lo studio non solo utile ma anche leggero e spiritoso. Provate anche voi. Del resto, tentar non nuoce. Leggi anche Bambini a scuola con un dolce rientro Come sopravvivere ai compagni di viaggio
CONDIVIDI

Consigli

Stirare è il punto debole di moltissime donne. In particolare se ci si trova davanti ad una camicia. In questo caso è fondamentale sapere come stirare una camicia riducendo al minimo gli sforzi. Il segreto per una perfetta stiratura? L'amido di mais, un ingrediente utilizzato non solo in cucina ma anche in altri modi, come ad esempio stirare una camicia. Ma andiamo per ordine e vediamo come garantire un perfetto uso dell'amido. Come stirare una camicia: cosa vi occorre Acqua calda Amido di mais Flacone spray vuoto Come stirare una camicia: come procedere Mescolate 2 tazze di acqua calda e 1 cucchiaio di amido di mais in un flacone spray vuoto. Agitate bene il tutto affinché l'amido non sia sciolto completamente nell'acqua. Per una maggiore rigidità di polsi e colletto della camicia, aggiungete alla soluzione liquida un ulteriore cucchiaino di amido. Impostate il ferro sulla temperatura adatta al tessuto da stirare e assicuratevi di stendere nel migliore modo possibile le camice sull'asse da stiro. Agitate molto bene il flacone spray prima dell'uso. Tenete la bottiglia ad angolo di circa 6-10 centimetri di distanza dalla camicia da stirare e spruzzate una piccola quantità. Date qualche spruzzata in più su colletti e polsini, così da mantenere la forma rigida. Stirate la parte della camicia su cui avete spruzzato l'amido finché non sarà completamente asciutto. volta che il ferro si sarà raffreddato, pulite la piastra con un panno asciutto, per rimuovere eventuali residui di amido. Conservate il flacone spray in frigorifero. Prima di ogni utilizzo, lasciatelo a temperatura ambiente per qualche minuto, così che agitandolo bene l'amido si possa sciogliere facilmente. Vedrete, stirare una camicia non vi sarà mai sembrato così facile. Leggi anche Come stirare il cotone: consigli per prevenire le pieghe Come pulire la tappezzeria  Come pulire con le bucce d'arancia
CONDIVIDI

Consigli

Trovare degli asciugamani morbidi in cui avvolgersi appena usciti dalla doccia o dalla piscina è il sogno di tutti. Ma come ammorbidire gli asciugamani durante e dopo il lavaggio in lavatrice? Dopo vari utilizzi gli asciugamani tendono ad essere rigidi e meno assorbenti. Un problema comune in moltissime case. Ma, per fortuna, con qualche piccola accortezza è possibile far tornare i nostri asciugamani morbidi. Escludendo l'uso di ammorbidenti specifici (che non sempre sono la soluzione), proviamo ad utilizzare dei rimedi fai da te. Come ammorbidire gli asciugamani: cosa vi occorre Aceto bianco Misurino Detersivo per bucato Come ammorbidire gli asciugamani: come procedere Sistemate gli asciugamani nella lavatrice come per un normale lavaggio e aggiungete il detersivo. Impostate la lavatrice sul programma risciacquo e, mentre si sta riempendo d'acqua, aggiungete una tazza di aceto bianco per il risciacquo. Una volta completato il ciclo di risciacquo potete procedere a sistemarli nell'asciugatrice. Come ammorbidire gli asciugamani: piccoli trucchetti Non candeggiate mai gli asciugamani bianchi, lavateli piuttosto con del succo di limone. La candeggina, infatti, rompe le fibre degli asciugamani rendendoli graffianti e meno assorbenti. Non sovraccaricate la lavatrice. Cercate, invece, di lavare gli asciugamani in un lavaggio a parte, così che possano avere lo spazio per un risciacquo più accurato. A volte, la morbidezza del bucato può dipendere dall'acqua. Alcune persone vivono in zone dove l'acqua contiene un'alta concentrazione di calcio e magnesio.  Questi minerali interagiscono con l'ammorbidente rendendolo inefficace. Provate ad usare un addolcitore d'acqua domestico, così da diminuirne la durezza.
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv