In linea durante le cene natalizie!
Rughe da smartphone: tecnologia VS bellezza!
Tisane al finocchio pericolose secondo l'Inran

L'Inran, l'ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti, raccomanda di non dare tisane digestive al finocchio a neonati, bimbi sotto i quattro anni e donne in gravidanza, poiché contengono estragolo, sostanza cancerogena presente nei semi di finocchio. L'indicazione deriva da uno studio su queste tisane, molto utilizzate non solo come digestivo per grandi e piccoli, ma soprattutto come rimedio naturale per le coliche dei neonati e per favorire la produzione del latte nelle mamme durante l'allattamento.

 

Nel 2001 l'estragolo era stato riconosciuto a livello europeo come sostanza cancerogena e tossica per i geni, tanto da bandirne l'aggiunta come aromatizzante agli alimenti. La ricerca, realizzata nell'ambito del progetto europeo Facet, finanziato nel VII Programma Quadro, in cui l'Inran coordina il sottoprogetto sugli aromi alimentari, ha permesso per la prima volta di stimare l'esposizione all'estragolo associata al consumo di tisane al finocchio analizzando prodotti in commercio. I ricercatori hanno studiato i prodotti più venduti in Italia: 9 tisane vendute in bustine da tè, 7 tisane istantanee, un campione di semi sfusi acquistati in 6 differenti erboristerie di Roma. Ogni tisana è stata preparata con 100 ml di acqua bollente e un tempo standard di infusione di 7 minuti. È emerso un eccesso di estragolo quindi il consumo di tisane non è considerabile sicuro, almeno per i neonati, spiega l'autore della ricerca Antonio Raffo.

 

Questi risultati confermano dunque le recenti indicazioni in materia dell'Ema, secondo cui il consumo di tisane al finocchio non è raccomandato nei bambini sotto i 4 anni, nè per donne in gravidanza e durante l'allattamento.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Consigli

Avete mai sentito parlare delle specie di piante che purificano l'aria di casa? Non pensate che entrando in casa siete al riparo da smog e anidride carbonica. In ogni casa, infatti, si accumulano delle sostanze pericolose per la nostra salute: benzene (fumo di sigaretta), ammoniaca (dai detersivi), formaldeide (dai sacchetti di plastica, dal gas dei fornelli, da smalti e vernici). Forse non lo sapete, ma addirittura lo schermo del computer produce sostanze velenose come lo xilene, un derivato del benzene che può essere dannoso per le cellule cerebrali. È stato dimostrato, addirittura, che un'elevata esposizione alle emissioni di xilene, causa problemi muscolari che possono manifestarsi in irritabilità, cambi repentini di umore e mal di testa. Ecco perché è di fondamentale importanza far cambiare spesso l'aria e, soprattutto, avere in casa delle piante che purificano l'aria di continuo. Di seguito un'ampia selezione di piante che potete sistemare negli angoli di casa che preferite. Piante di casa: Aloe vera L'aloe vera è quanto di meglio ci si possa aspettare da una pianta. L'aloe, oltre ad essere coltivata con estrema facilità, è un ottimo alleato contro il benzene e la forma aldeide. Inoltre l'aloe è la pianta dei prodigi: il gel ricavato dalle sue foglie è miracoloso su scottature, rughe e acne ma anche per la prevenzioni delle malattie che colpiscono il sistema digestivo ma anche di tumori. L'aloe predilige climi secchi e caldi, quindi è consigliabile tenere su una finestra ben illuminata. Piante di casa: Anthurium L'anthurium è un magnifico fiore con un lungo stelo e un fogliame lucido. È ideale per debellare emissioni di ammoniaca, agendo anche contro il toluene e lo xilene. Piante di casa: Edera L'edera ha effetti straordinari nella purificazione di casa. Pensate, è in grado di assorbire ben 12 mcg all'ora di formaldeide, che troviamo in vari prodotti per la pulizia di casa. Piante di casa: Ficus Molto diffuso, il ficus è una pianta che aiuta a purificare casa da tricloroetilene e benzene, ma anche da formaldeide presente in mobili e tappeti. Fate in modo che il ficus abbia la giusta esposizione solare e venga annaffiato regolarmente. Piante di casa: Gerbera La gerbera è perfetta per rimuovere la trielina, presente in capi d'abbigliamento appena trattati in lavanderia o lavati a secco. Il consiglio è di sistemarla in camera da letto, accertandosi che riceva molta luce. Piante di casa: Azalea Oltre ad essere una pianta bella da vedere, con moltissimi fiori colorati, l'azalea ha un'alta capacità di filtrare la formaldeide se esposta in un luogo fresco e ben illuminato. Piante di casa: Lingua di suocera Il nome di questa pianta è piuttosto bizzarro e deriva dalle sue foglie lunghe e ruvide. La lingua di suocera è una delle piante migliori per purificare l'aria di casa dalla formaldeide presente nei prodotti per la pulizia, carta igienica e tessuti. Per questo consigliamo di sistemarne una in bagno. Resiste anche in condizioni di luce scarsa. Piante di casa: Filodendro Il filodendro è una pianta rampicante non indicata se in casa avete dei bambini o animali domestici. Se ingerita, infatti, è estremamente tossica; ma è ideale per filtrare le sostanze tossiche volatili. Piante di casa: Felce di Boston È la pianta più capace in assoluto di filtrare la formaldeide: fino a 20 mcg all'ora. La felce di Boston è una pianta fantastica anche per  impreziosire casa essendo decorativa. Facile da curare, resiste anche in ambienti poco luminosi. Piante di casa: Pothos La pianta Pothos è ideale da sistemare in garage, poiché è un'altra alleata nella lotta contro la formaldeide. È una pianta molto robusta che non necessita di molta luce e quindi può essere posta anche in luoghi non troppo assolati. Piante di casa: Sansevieria trifasciata La Sansevieria trifasciata è una pianta ornamentale, ideale da tenere in salone o in ambienti dove sono solite concentrarsi molte persone. Oltre ad essere molto bella, è una delle poche piante che continuano la fotosintesi anche la notte. Proprio per questo è perfetta per le stanze poco arieggiate o affollate. Leggi anche Come e quali fiori piantare in primavera Proprietà del mirtillo: un toccasana per gli occhi Ritrova il benessere con le proprietà dei semi naturali
CONDIVIDI

Alimentazione

Ognuno di noi nella sua vita si augura di essere felice, di avere un lavoro soddisfacente e ricco di soddisfazioni, di raggiungere i propri sogni, ma certamente alla base dei nostri obiettivi c'è l'augurio più grande, quello che accomuna proprio tutti: vivere il più a lungo possibile. Molte persone ricorrono a cure farmacologiche e a trattamenti speciali per mantenersi in forma e in salute. Ma avete mai pensato che, forse, il vivere a lungo sia un insieme di semplici fattori che, però, potrebbero avere un'importanza fondamentale nella nostra vita? Non sono pochi gli studiosi che si sono dedicati al caso, ed è stata stilata una classifica di 8 segreti che aiutino a vivere più a lungo. Se potrebbe interessarvi, date un'occhiata alla nostra lista... 1. Relax Lo stress del lavoro, la frenesia della città e dei ritmi quotidiani, spesso, non aiutano a sostenere uno stile di vita salutare. Il primo consiglio è quello di ricavarsi uno spazio solo per voi, in famiglia o con amici, per dimenticare una giornata andata storta. 2. Bere tè Sono molti gli studi a sostenere l'importanza di bere tè per la nostra salute. L'alto contenuto di antiossidanti contenuti nel tè, aiutano a migliorare la circolazione del sangue. Bere tè, infatti, riduce del 24% il rischio di morte dovuto a problemi cardiovascolari, che possono sorgere nei fumatori incalliti e nei bevitori di caffè. 3. Ottimismo Pensare positivo aiuta a vivere più serenamente, abbassare il rischio di ictus e migliorare le funzioni cardiache e cerebrali. Nei Paesi Bassi un gruppo di ricercatori dell’Università di Tilburg ha dimostrato come l’ottimismo sia stato decisivo nel determinare la morte di un gruppo di pazienti cardiopatici. Sono stati selezionati 600 soggetti con problemi cardiopatici e divisi in due gruppi a seconda del loro carattere: ottimisti o pessimisti. Dopo 5 anni erano morti meno del 10% delle persone appartenenti al gruppo degli ottimisti contro il 16,5% del gruppo dei pessimisti. 4. Pet-Therapy Numerose sono le ricerche in merito all'enorme potere che cani, gatti, e animali in generale, possono avere sulle persone. Avere un amico a 4 zampe in casa, infatti, aiuta a sorridere di più, ad essere di buonumore e a superare anche le giornate iniziate male. 5. Smettere di fumare Può sembrare ovvio ma non ci stanchiamo mai di ripeterlo: smettere di fumare è importantissimo per la salvaguardia della salute. Il fumo aumenta la pressione arteriosa, ostacola la circolazione provocando ictus e infarti, e può determinare impotenza nell'uomo, declino mentale, menopausa anticipata, invecchiamento della pelle, osteoporosi e, nei casi peggiori, tumori di vari tipi. 6. Fitness Molte persone sostengono che dopo un allenamento in palestra si sentono meglio. E non hanno tutti i torti, perché sostenere uno stile di vita energico e allenato, aiuta a stimolare molte funzioni del nostro organismo e a scaricare lo stress accumulato durante la giornata. 7. Gli antiossidanti Gli antiossidanti sono un ottimo rimedio per prevenire e curare varie malattie e patologie. Possiamo assumere antiossidanti mangiando gli alimenti giusti, come kiwi, tè verde, melograno, mirtilli e frutti rossi, carote, graviola, avocado, pomodori, cacao e cioccolato, bacche di Goji. Gli antiossidanti, oltre a combattere i radicali liberi e a prevenire l'invecchiamento della pelle, proteggono la vista, migliorano la circolazione e favoriscono il benessere dei vasi sanguigni e del cuore. 8. La dieta giusta Seguire una dieta equilibrata è fondamentale per mantenere uno stato di salute sano e andare incontro a problemi di vario genere. Esagerare con dolci, sale o cibi ricchi di additivi e conservanti può avere effetti dannosi. Oltre ad incorrere nel rischio di obesità, mangiare male potrebbe portare a ipertensione arteriosa, malattie metaboliche e dell'apparato cardiocircolatorio, diabete tipo 2 e, addirittura, alcune forme di tumori. Inoltre, seguire una dieta bilanciata e completa, fortifica il sistema immunitario, proteggendo l'organismo da malattie legate a malattie di varia natura. Leggi anche Dieta depurativa e sgonfiante Dieta dimagrante anticellulite Dieta antinfluenzale: 5 alimenti contro l'influenza
CONDIVIDI

Curiosità

Stress da lavoro? Diamo uno sguardo agli effetti che ne conseguono... Lo stress, un problema che fa ormai da sfondo alla nostra società, viene spesso sottovalutato nei suoi effetti. Le conseguenze di un forte stress, o di uno stress reiterato nel tempo, possono essere a dir poco deleterie. Lo stress può essere causa di un'ampia gamma di malattie che colpiscono il sistema immunitario, come ad esempio  la celiachia; ma anche problemi circolatori, disturbi gastrointestinali, ipertensione arteriosa o colon irritabile. Questi sono solo alcuni degli effetti importanti più derivanti da stress. Lo stress, infatti, può agire anche sulla psicologia, sul nostro stato umorale e addirittura sentimentale. Un nuovo studio rivela che una persona sottoposta ad un forte stress è meno capace di provare compassione verso gli altri. Questo è il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology. Una ricerca in cui i ricercatori hanno somministrato a topi di laboratorio e a uomini dei farmaci in grado di bloccare i livelli di cortisolo (detto anche "ormone dello stress") nel sangue. Il risultato è stato sorprendente: quando i livelli di stress sono tenuti sotto controllo, siamo più presenti con le persone a noi care. In poche parole mostriamo più empatia verso di loro. Lo studio si concentra sul fenomeno noto come "contagio emotivo del dolore", e dimostra come sia uomini che animali hanno un istinto all'empatia molto più spiccato quando i livelli di cortisolo vengono bloccati. I livelli di cortisolo possono salire e scendere durante il giorno, a seconda del fattore "stress": quando l'organismo è sotto stress vengono rilasciati maggiori quantità di cortisolo. I ricercatori hanno somministrato ad alcuni studenti universitari l'ormone metyrapone, in grado di bloccare la produzione di cortisolo. I ragazzi, poi, hanno incontrato dei perfetti estranei, a cui è stato chiesto di immergere le mani in una ciotola di acqua gelata. Le reazioni dei ragazzi, alla vista di coloro che immergevano le mani nell'acqua, sono state espressioni di dolore, di disagio, e dunque molto empatiche. Un studio di questo è tipo è molto importante per continuare a studiare i comportamenti umani, offrendo una maggior comprensione delle nostre azioni quando ci troviamo a contatto con gli altri. Possiamo quindi sostenere che il mondo sarebbe migliore se fossimo meno stressati? Su questo non possiamo metterci la mano sul fuoco, ma certo noi vivremmo molto meglio.
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv