alice lifestyle leonardo marcopolo

Quante filastrocche e canzoni ci hanno cantato i nostri nonni. E quante volte ci siamo sentiti protetti, consolati o viziati tra le braccia e le cure dei nonni sempre al nostro fianco.

È per questo che tra le tante feste nazionali che troviamo sul calendario, un giorno dell’anno è dedicato ai nonni. Il 2 ottobre sarà un giorno di festeggiamenti in cui poter esprimere, ma non certo per ricordare, quanto i nostri nonni sono, o sono stati, importanti nelle nostre vite.

L’idea di un giorno dedicato alla figura dei nonni arriva addirittura dal West Virginia. La casalinga Marian Mc Quade, mamma di 15 figli e nonna di 40 nipoti, portò avanti una campagna per l’istituzione di questa festa fin dal 1970, finché poi nel 1978 Jimmy Carter (l’allora Presidente americano) la istituì definitivamente.

Anche in Italia, accanto alla festa del papà e quella della mamma, il Parlamento ha deciso nel 2005 di istituire la festa dei nonni per celebrare due importanti figure non solo nell’ambito della famiglia ma anche nell’intera società.

Gli Enti locali (Regioni, Province, Comuni) sono impegnati in questo giorno in diverse iniziative per valorizzare l’importante ruolo giocato dai nonni all’interno del nucleo familiare. Un premio annuale sarà poi consegnato direttamente dal Presidente della Repubblica al nonno e alla nonna d’Italia.  

Non a caso il 2 ottobre è il giorno in cui la Chiesa festeggia gli Angeli e proprio per questo la festa dei nonni è un momento in cui poter celebrare i nostri cari come angeli custodi della nostra infanzia.

Consapevole dell’importanza di questa figura all’interno della famiglia, Arturo ha dedicato ai nonni un format unico e originale in cui viene dato ampio spazio alla figura delle nonne in tutti i loro aspetti. Nonne casalinghe, nonne impegnate e nonne addirittura in carriera. Tutto questo potete scoprirlo nel nuovo programma di Arturo Nonne alla riscossa.

Per saperne di più sulla programmazione basterà cliccare su Nonne alla riscossa.

 

 

Share This