alice lifestyle leonardo marcopolo

Non c’è San Valentino senza una poesia d’amore da dedicare. Potete indossare un abito sexy ed elegante da mozzare il fiato; potete portare in tavola ricette e un menu di San Valentino da leccarsi i baffi e, infine, fare una sorpresa con quel regalo che da sempre sogna.

Ma non potete tralasciare un biglietto romantico o una poesia d’amore da dedicare al vostro partner come romantica conclusione della serata di San Valentino.

Se, però, siete a corto di idee e vi sembra di non riuscire a trovare le parole giuste per raccontare il vostro amore, non perdetevi d’animo. Basta prendere in prestito alcune tra le più belle poesie d’amore di tutti i tempi. Rivolgiamoci ai poeti romantici per eccellenza e cercate la poesia d’amore più indicata per il vostro San Valentino.

San Valentino: poesia di Shakespeare

Shall I compare thee

Devo paragonarti a una giornata estiva?
Tu sei più  incantevole e mite.
Impetuosi venti scuotono le tenere gemme di maggio
e il corso dell’estate fin troppo breve.
Talvolta troppo caldo splende l’occhio del cielo
e spesso il suo aureo volto offuscato,
e ogni bellezza col tempo perde il suo fulgore,
sciupata dal caso o dal corso mutevole della natura.
Ma la tua eterna estate non sfiorirà,
né perderai possesso della tua bellezza;
né morte si vanterà di coprirti con la sua ombra,
poiché tu cresci nel tempo in versi eterni.
Finché uomini respirano e occhi vedono,
vivranno questi miei versi, e daranno vita a te.

San Valentino: poesia di Emily Dickinson

Se io potrò impedire

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.

San Valentino: poesia di Kahlil Gibran

Segui l’amore

L’amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta a all’amore.

San Valentino: poesia di Saffo

La forza dell’amore

Scuote Amore il mio cuore
come il vento sul monte
si abbatte sulle querce.
Subito a me il cuore si agita nel petto
solo che appena ti veda, e la voce
non esce, e la lingua si spezza.
Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle,
e gli occhi più non vedono
e rombano le orecchie.

Share This