alice lifestyle leonardo marcopolo

Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi. E allora dove andare e cosa fare? Seguendo il detto popolare, abbiamo selezionato cinque destinazioni per una gita fuori porta, tra natura e città a misura d’uomo. Un’occasione da non lasciarsi sfuggire per trascorrere una Pasqua tra chiacchiere, risate e divertimento con amici.

Pasqua 2014: santuari e non solo…

foto Pasqua 2014: dove andare e cosa fare

Ad appena un’ora dalla capitale, un itinerario naturalistico da non perdere è la valle Santa di Rieti, per percorrere il Cammino di Francesco (www.camminodifrancesco.it). 80 chilometri sulle strade del Santo e quattro le soste principali: Fonte Colombo, Poggio Bustone, Greccio e Santa Maria della Foresta, santuari abbarbicati sui costoni rocciosi delle montagne e in mezzo al verde.

foto Santa Maria delle Foreste

Santa Maria delle Foreste a Pasquetta

Dopo la lunga passeggiata (a piedi, in mountain bike o cavallo), si torna a Rieti, ombelico d’Italia com’è stata definita da Varrone. Qui proprio nella piazza San Rufo al “centro d’Italia” si può fare una sosta golosa al “Bistrot” che ogni sera propone un numero di portate a scelta dello chef. E per riposarsi, la quiete di villa Potenziani, una dimora del ‘700, immersa in un bosco secolare.

Pasqua 2014: la Marmilla

foto Pasqua 2014: dove andare e cosa fare

Gli amanti della natura più selvaggia possono scegliere la Marmilla, in Sardegna (tra Cagliari e Oristano). Il fascino di una terra ancora intatta, dove la luce sembra avere qualcosa di magico: al mattino tende all’argento, di pomeriggio all’oro. Ma la vera ricchezza sono i cavallini della Giara, gli ultimi cavalli selvaggi d’Europa che vivono allo stato brado e si possono ammirare soprattutto nel periodo primaverile. Sono bassi di statura, (l’altezza raggiunge al massimo centotrenta centimetri) e vederli al galoppo regala una grande emozione.

Pasqua 2014: Lago di Garda

foto sirmione per pasqua 2014

Se la vostra mini vacanza di Pasqua è nel segno del benessere, allora fate tappa a Sirmione, sul Lago di Garda. Un vero gioiello, celebrato anche da Catullo, che soggiornava in una delle ville romane affacciate sull’acqua. Il fiore all’occhiello? La Rocca Scaligera del XIII secolo, circondata dalle acque che un ponte levatoio collega alla terraferma. E affaccia sulla Rocca, il Grand Hotel Terme, elegante albergo all’interno delle Terme. Annesso anche il raffinato ristorante, l’Orangerie.

Pasqua 2014: Ravenna

foto ravenna per pasqua 2014

Si sfidano per la candidatura a capitale della cultura Ravenna e Matera. Due città molto diverse tra di loro, ma entrambe capaci di riservare numerose sorprese in un solo fine settimana. Chi visita Ravenna, anche per una sola volta, non può non innamorarsene, come avvenne nel passato a Boccaccio, che vi ambientò una delle sue più belle novelle.

Città in trasformazione, tanto che dei suoi preziosi mosaici, propone nuove visioni per l’Europa: mosaici di cultura, appunto. Le luccicanti tessere sono le protagoniste un po’ ovunque, a testimonianza di una storia gloriosa. La caratteristica? Hanno forme irregolari e posizionate in profondità variabili: questo fa in modo che, da qualunque parte le si osservi, la superficie riflette la luce in un gioco di contrasti affascinante. E speciale è anche Casa Masoli, dimora costruita nel settecento, appartenuta alla famiglia Rasponi-Bonanzi, dove si ha la sensazione di sentirsi a casa.

Pasqua 2014: Matera

foto matera per Pasqua 2014

Matera, infine, fa delle sue continue scoperte il punto di forza. È da poco visibile il Palombaro lungo (costo biglietto 3 euro), una riserva idrica, al di sotto di Piazza Vittorio Veneto, luogo dello struscio cittadino. Un’occasione per scoprire gli ipogei e la città sotterranea che diventano un tutt’uno con i Sassi, patrimonio Unesco.

Leggi anche

Pasquetta 2014: dove andare e cosa fare

Pasquetta 2014: nel sacro bosco di bomarzo

Pranzo di Pasqua 2014: menu e ricette

Share This