Cioccolato Bernardi, l’offerta su Bottega Italiana
Come scegliere l’albero di Natale? Ecco i consigli giusti!
Palle di Natale patchwork, come realizzarle

Ed è tornato anche quest'anno il periodo delle decorazioni di Natale... Ogni anno tiriamo fuori dalla cantina i vecchi addobbi e ogni anno vorremmo ravvivarli però con qualcosa di nuovo... Perchè non creare noi stessi delle palle di Natale, allora?

Un'idea originale è quella di decorazioni natalizie realizzate con la tecnica del patchwork, una tecnica molto antica che già le nostre nonne usavano per riciclare gli avanzi di tessuto, per riparare o creare nuovi oggetti.

La riuscita di queste decorazioni, spesso, dipende dalla scelta dei tessuti, più o meno ricchi e scintillanti, che possono essere impreziositi dall’utilizzo di paillettes, perle, fili dorati e quant'altro. Pronti a realizzare le nostre palle di Natale patchwork? Allora diamoci da fare e vediamo cosa ci occorre.

Palle di Natale patchwork: cosa ci occorre

  • Palline di polistirolo (ne esistono di diverse misure)
  • Tessuti di vari colori
  • Spilli per patchwork (sono più corti di quelli utilizzati in sartoria ed esistono di color oro o argento)
  • Passamaneria
  • Paillettes
  • Perline
  • Taglierino
  • Pennarello
  • Colla a caldo

Palle di Natale patchwork: come realizzarle

  • Con il pennarello si disegnano dei tratti sulla palla di polistirolo che saranno poi incisi con il taglierino.
  • Tagliare dei pezzi di stoffa e posizionarli sulla palla e con l’aiuto di una limetta per le unghie, infilare nelle incisioni, che non devono essere troppo profonde, la stoffa eccedente.
  • Ripetere questa operazione su tutta la palla, magari alternando stoffe di diversi colori.
  • Sui tagli che abbiamo formato, posizionare della passamaneria che fermeremo con l’aiuto di un po’ di colla a caldo (non eccedere nell’utilizzo per non farla fuoriuscire).
  • Sempre con la passamaneria, formare un anello sull’estremità superiore e fermarla con una goccia di colla al caldo e con uno spillo per il patchwork. Servirà per appendere la palla all’albero di Natale.
  • Con le paillettes e le perline, fissandole con gli spilli per patchwork, si possono decorare le palle per renderle ancor più scintillanti.

Palle di Natale patchwork: tecnica a "carciofo"

Un’altra tecnica che con la quale si possono creare decorazioni natalizie e rivestire le palle di natale è la cosiddetta tecnica a “carciofo”.

  • Si tagliano dei quadrati di stoffa di colori diversi. Si ripiegano su se stessi in modo da formare un triangolo e partendo dall’alto della palla, si fissano al polistirolo con gli spilli per il patchwork (sull’angolo superiore si può posizionare una paillette per impreziosire la decorazione).
  • Quando si inizia il secondo giro, bisogna fare attenzione ad alternare i colori cercando di non formare delle file dello stesso colore.
  • Una volta ricoperta tutta la base di polistirolo, sull’estremità inferiore posizionare il quadratino di stoffa aperto.
  • Sull’estremità superiore formare un anello con la passamaneria e fissarlo con un poco di colla a caldo.
  • Anche questa decorazione può essere impreziosita con dei fiocchi di passamaneria.
Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Alimentazione

Quali sono le 7 tisane della salute che ci aiutano a star bene? Quando la sera torniamo stremati dal lavoro, non c'è niente di meglio di una tisana rilassante che favorisce la nostra salute. Oltre ad essere una bevanda piacevole e dissetante, la tisana ha moltissimi benefici che contribuiscono a migliorare la salute. Dai problemi di pancia gonfia e digestione ai disturbi del sonno, di tisane ne esistono di vari tipi, ciascuna delle quali con proprietà benefiche per la nostra salute. Le tisane alle erbe sono fonte di vitamine e minerali. Una tisana alla rosa canina, ad esempio, è ricca di vitamine C, E, A, K e contiene pectine e tannini, ottimi vitaminizzanti, diuretici, tonici che aiutano a proteggersi da virus influenzali. La possibilità di creare tisane con erbe utili alla salute sono davvero molte. Ecco qualche chiarimento sui benefici delle tisane. A voi la scelta. Tisana della salute alla menta La gran parte dei naturopati raccomanda di bere tisane alla menta per alleviare i sintomi di gonfiore addominale e spasmi muscolari. La tisana alla menta è ottima anche per il senso di nausea e per rilassare il corpo. Da evitare se avete fatto indigestione di qualche cibo o se avete bruciori di stomaco, poiché la menta piperita potrebbe accentuare il dolore. Una tisana di questo genere può essere preparata con la menta fresca coltivata in giardino, essendo una delle erbe più facili da coltivare. Tisana della salute allo zenzero Un altro grande aiuto per la digestione è la tisana allo zenzero, come anche la tisana al finocchio. Lo zenzero può essere utilizzato per placare il senso di nausea, vomito o mal di stomaco a causa di cinetosi. Preparare questa tisana è davvero molto semplice. Basta far bollire un pezzo di radice di zenzero per 10-15 minuti, aggiungere del succo di limone e miele. Un mix di ingredienti perfetto anche in vista di un raffreddore o un virus influenzale. Tisana della salute alla camomilla Dolce, gustosa e facile da preparare. La tisana alla camomilla è quanto di meglio si possa chiedere per fare sonni tranquilli. È utile anche per la digestione dopo i pasti, è calmante in caso di tosse, bronchite, febbre e può essere usata anche per fare gargarismi in caso di infiammazioni della bocca. Tisana della salute al rooibos Ad alto contenuto di vitamina C, magnesio, fosforo, zinco e calcio, il roobois è una pianta che ha molti benefici per la salute. Conosciuto anche con il nome di tè rosso africano, il roobois è coltivato nell'Africa del Sud e viene sponsorizzato per le sue proprietà antiossidanti, che aiutano a scongiurare malattie e segni di invecchiamento. È stato, infatti, dimostrato come una tisana al roobois contribuisca a ridurre i problemi legati alla cute, come l'eczema. Tisana della salute alla melissa La melissa, una pianta facile da coltivare anche in giardino, aiuta a risollevare lo spirito e a stimolare la concentrazione. Non sono poche le mamme che, prima di andare a dormire, danno ai loro bambini la tisana alla melissa. La motivazione? Pare che aiuti a prevenire gli incubi, scongiurando un sonno travagliato. La tisana alla melissa, inoltre, è una bevanda rinfrescante e può essere aromatizzata con limone o sciroppo d'acero. Tisana della salute alla rosa canina I cinorrodi sono frutti della rosa e sono una delle migliori fonti vegetali di vitamina C, essenziale per il sistema immunitario, la pelle, la salute dei tessuti e la funzione surrenale. Se avete bisogno di una spinta energetica, provate a gustare una deliziosa tisana alla rosa canina. Tisana della salute al cardo mariano e tarassaco Se consumati come tisane, il cardo e il tarassaco sono dei veri toccasana per chi soffre di problemi al fegato. Le tisana al cardo e tarassaco contribuiscono alla salute e pulizia del fegato. Molti naturopati consigliano queste due tisane anche per favorire il processo digestivo, dal momento che concorrono alla produzione di bile. Leggi anche Tisana dimagrante fai da te Come fare una tisana al finocchio Tisana rilassante alla lavanda
CONDIVIDI

Consigli

Pulire i vetri richiede una cura particolare e, di solito, olio di gomito. Ma questo accade perché non seguiamo una pulizia settimanale costante, ritrovandoci ad utilizzare prodotti costosi e, a volte, cancerogeni per pulire via lo sporco dai vetri. Detergenti preparati con rimedi e prodotti fai da te, invece, sono una delle soluzioni più consigliate. Unite, del resto, ad una pulizia più costante. Proviamo allora a preparare in casa un detergente fai da te con prodotti naturali e scopriamo come procedere per pulire i nostri vetri. Come pulire i vetri con il giornale L'utilizzo di giornali, in particolare di quotidiani, aiuta ad eliminare ogni traccia di sporco e sopratutto quelle fastidiose strisce che restano sul vetro dopo aver passato un panno asciutto. Alcuni temono che l'inchiostro del giornale possa trasferirsi sul vetro, ma non è così. Se non amate usare i giornali, un'ottima alternativa sono i panni in microfibra: non graffiano, non lasciano "pelucchi" e potete riutilizzarli più volte dal momento che sono lavabili. Come pulire i vetri con l'aceto L'aceto è un ottimo rimedio per pulire i vetri: è sgrassante e, soprattutto, naturale. Mescolate acqua e aceto bianco in parti uguali e mettete il tutto in una bottiglietta spray. Non è consigliabile usare l'aceto da solo, perché con il tempo la sua acidità potrebbe creare un alone opaco sul vetro. Se, poi, i vetri sono particolarmente sporchi, potete aggiungere alla soluzione di acqua e aceto 1/2 cucchiaino di detersivo per piatti. L'aceto può avere un odore forte al primo utilizzo, ma evaporerà pochi minuti dopo. Come pulire i vetri con il limone Come l'aceto, anche il succo di limone contiene sostanze acide, ed è dunque efficace nella pulizia dei vetri. Aggiungete 3 cucchiai di succo di limone in un flacone spray e riempite la bottiglia con dell'acqua. Spruzzate il composto ottenuto direttamente sui vetri e pulite con dei fogli di giornale o un panno in microfibra. Il succo di limone non solo è un ottimo sgrassatore, ma funziona anche come deodorante per la stanza. Come pulire i vetri con l'alcol L'alcol è un disinfettante e può essere utilizzato anche assoluto per pulire i vetri. Non lascia residui né striature ed è possibile spruzzare l'alcol direttamente sui vetri. Procedete nella pulizia con un panno in microfibra o un foglio di giornale. Come pulire i vetri con maizena e ammoniaca Unire amido di mais e ammoniaca è una buona soluzione per pulire i vetri senza alcun problema. Mescolate 2 cucchiai di amido di mais, 1/2 tazza di ammoniaca e 1/2 tazza di aceto bianco in un flacone spray. Agitate bene prima dell'uso per far sciogliere completamente l'amido e procedete con la pulizia. Leggi anche Come pulire casa con il limone Come eliminare il calcare dai sanitari Come pulire l'acciaio per farlo brillare
CONDIVIDI

Alimentazione

Sono sempre più numerose le persone che amano coccolarsi con tisane gustose ma soprattutto rilassanti, ideali per concludere una giornata stressante. Di tisane rilassanti ne esistono davvero di moltissimi tipi, una tra tutte è la tisana alla lavanda. Proprio così, una tisana alla lavanda. Una bevanda preparata con uno dei fiori più profumati e apprezzati dalle donne. I fiori della lavanda capita spesso di utilizzarli per profumare gli ambienti di casa o per realizzare deliziosi sacchetti da sistemare in cassetti e armadi. Ma stavolta vogliamo proporvi la lavanda in versione tisana, da proporre alle amiche durante un pomeriggio in compagnia. Per la base della tisana rilassante è possibile utilizzare delle bustine di tè alla menta o di camomilla, a seconda dei gusti personali. Tisana alla lavanda: ingredienti Acqua calda: 3 tazze Bustine di tè o di camomilla: 2 Fiori di lavanda (freschi o secchi) e melissa: due cucchiai Miele per zuccherare: a piacere Tisana alla lavanda: preparazione Portare l'acqua ad ebollizione. Una volta raggiunto il bollore, immergete nell'acqua i fiori di melissa e lavanda. Coprite e lasciate riposare per circa 5 minuti. Una volta trascorso il tempo di riposo, filtrate con un colino da cucina la tisana e servite in tazza da tè. Se amate le tisane zuccherate, provate ad aggiungere il miele. In questo modo darete un tocco dolce ma dietetico alla vostra tisana rilassante. Leggi anche Come fare una tisana al finocchio Tisana drenante per perdere peso Tisana per combattere la cellulite
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv