Cioccolato Bernardi, l’offerta su Bottega Italiana
Come scegliere l’albero di Natale? Ecco i consigli giusti!
Palle di Natale patchwork, come realizzarle

Ed è tornato anche quest'anno il periodo delle decorazioni di Natale... Ogni anno tiriamo fuori dalla cantina i vecchi addobbi e ogni anno vorremmo ravvivarli però con qualcosa di nuovo... Perchè non creare noi stessi delle palle di Natale, allora?

Un'idea originale è quella di decorazioni natalizie realizzate con la tecnica del patchwork, una tecnica molto antica che già le nostre nonne usavano per riciclare gli avanzi di tessuto, per riparare o creare nuovi oggetti.

La riuscita di queste decorazioni, spesso, dipende dalla scelta dei tessuti, più o meno ricchi e scintillanti, che possono essere impreziositi dall’utilizzo di paillettes, perle, fili dorati e quant'altro. Pronti a realizzare le nostre palle di Natale patchwork? Allora diamoci da fare e vediamo cosa ci occorre.

Palle di Natale patchwork: cosa ci occorre

  • Palline di polistirolo (ne esistono di diverse misure)
  • Tessuti di vari colori
  • Spilli per patchwork (sono più corti di quelli utilizzati in sartoria ed esistono di color oro o argento)
  • Passamaneria
  • Paillettes
  • Perline
  • Taglierino
  • Pennarello
  • Colla a caldo

Palle di Natale patchwork: come realizzarle

  • Con il pennarello si disegnano dei tratti sulla palla di polistirolo che saranno poi incisi con il taglierino.
  • Tagliare dei pezzi di stoffa e posizionarli sulla palla e con l’aiuto di una limetta per le unghie, infilare nelle incisioni, che non devono essere troppo profonde, la stoffa eccedente.
  • Ripetere questa operazione su tutta la palla, magari alternando stoffe di diversi colori.
  • Sui tagli che abbiamo formato, posizionare della passamaneria che fermeremo con l’aiuto di un po’ di colla a caldo (non eccedere nell’utilizzo per non farla fuoriuscire).
  • Sempre con la passamaneria, formare un anello sull’estremità superiore e fermarla con una goccia di colla al caldo e con uno spillo per il patchwork. Servirà per appendere la palla all’albero di Natale.
  • Con le paillettes e le perline, fissandole con gli spilli per patchwork, si possono decorare le palle per renderle ancor più scintillanti.

Palle di Natale patchwork: tecnica a "carciofo"

Un’altra tecnica che con la quale si possono creare decorazioni natalizie e rivestire le palle di natale è la cosiddetta tecnica a “carciofo”.

  • Si tagliano dei quadrati di stoffa di colori diversi. Si ripiegano su se stessi in modo da formare un triangolo e partendo dall’alto della palla, si fissano al polistirolo con gli spilli per il patchwork (sull’angolo superiore si può posizionare una paillette per impreziosire la decorazione).
  • Quando si inizia il secondo giro, bisogna fare attenzione ad alternare i colori cercando di non formare delle file dello stesso colore.
  • Una volta ricoperta tutta la base di polistirolo, sull’estremità inferiore posizionare il quadratino di stoffa aperto.
  • Sull’estremità superiore formare un anello con la passamaneria e fissarlo con un poco di colla a caldo.
  • Anche questa decorazione può essere impreziosita con dei fiocchi di passamaneria.
Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Consigli

Pulire casa con ingredienti naturali sta diventando una vera e propria filosofia di vita. Pulire casa utilizzando dei comuni limoni o le bucce d'arancia è un incentivo non solo per la salvaguardia dell'ambiente ma anche per un notevole risparmio economico. Sono sempre più numerose le persone che si dedicano alle pulizie di casa scegliendo detersivi ecologici o saponi naturali. La natura ci offre moltissime opportunità da sfruttare non solo nel campo alimentare ma anche per rendere la nostra casa più pulita e profumata. Scopriamo, ad esempio, come è possibile pulire casa con il limone. Come pulire le macchie con il limone Forse non tutti sanno che il succo di limone è il 30% del peso del frutto. Una percentuale molto importante se si pensa che contiene dal 6% al 8% di acido citrico, citrati di calcio e potassio, acido malico, sali minerali fosforo, manganese, ferro, rame e grandi quantità di vitamina B1, B2 e B3, carotene, vitamine A e C (fino a 50 mg/100 g di succo). Come pulire il piano della cucina con il limone È possibile pulire il piano della vostra cucina con il limone, a meno che non sia in pietra delicata, come il marmo o l'acciaio inox che potrebbe scolorire. Immergete mezzo limone in una ciotola con acqua e bicarbonato. Lasciate in immersione per qualche minuto e poi procedete nella pulizia con una spugna. Come pulire il tagliere con il limone Per rimuovere le macchie difficili di olio o di cibo dal legno chiaro e dai taglieri in plastica (così come anche dai contenitori in plastica), sarà sufficiente tagliare un limone a metà e spremerla sulla superficie sporca. Strofinate con una spugna e lasciate riposare il tutto per 20 minuti prima di risciacquare. Come pulire i piatti con il limone Per aumentare l'efficacia del vostro sgrassatore, unite al detersivo un cucchiaino di succo di limone. Resterete stupiti dalla forza sgrassante del limone. Come pulire i rubinetti con il limone Eliminare il calcare dai rubinetti è un'operazione noiosa e non sempre vincente. Il consiglio è pulire i rubinetti strofinandoli con del succo di limone e lasciare in posa tutta la notte. Pulite il giorno dopo con un panno umido. Come pulire le mani con il limone Quando vi capita di pulire il pesce crudo, il cattivo odore tende a non sparire facilmente. Provate a strofinare le mani con del succo di limone. Vedrete che in pochi minuti sarete riusciti a neutralizzare il cattivo odore. Come pulire con il limone: la curiosità Per schiarire i bianchi del bucato, aggiungete il succo di mezzo limone al ciclo di risciacquo per un carico normale di panni. Leggi anche Come pulire il forno Come pulire l'acciaio per farlo brillare Come pulire con le bucce d'arancia
CONDIVIDI

Consigli

Pulire e lucidare l'argento è il punto debole di chi è amante di questo metallo. Ci sono accessori e oggetti in argento che non passeranno mai di moda e che donano agli ambienti di casa un tocco glamour e sempre moderno. Quando si parla di argento, però, sorge un problema, comune in molte case: come pulire l'argento alla perfezione, senza lasciare quel velo di opacità e trascuratezza all'argenteria? Di seguito vi spieghiamo tutto quello che c'è da sapere sull'argento, dandovi anche qualche utile consiglio per pulire l'argento con poche semplici accortezze. Come pulire l'argento: perché l'argento scurisce Quando l'argento scurisce non è certo un bel vedere, soprattutto se sono cornici e oggetti che contribuiscono a dare luminosità ad un ambiente di casa. Ma prima di correre a pulire l'argento, vi siete mai chiesti perché scurisce? La ragione per cui l'argento cambia nel tempo risiede in una reazione chimica che avviene con l'ambiente in cui si trova. L'argento è esposto ai composti di zolfo contenuti nell'aria, creando sull'argenteria un sottile strato di solfuri d'argento, il tipico annerimento dell'argenteria. Come pulire l'argento: eliminare i solfuri Per rimuovere i solfuri formatisi e, dunque, pulire l'argento c'è un modo molto semplice e, forse, poco conosciuto: invertire la reazione chimica che provoca la formazione di solfuri di argento. Come fare? Con il bicarbonato di sodio. Il bicarbonato di sodio inverte la reazione chimica che avviene a contatto con l'aria creando una reazione inversa. Questa avviene nel momento in cui un oggetto in argento viene messo direttamente su un foglio di alluminio e immerso in una soluzione di bicarbonato e acqua calda. Una piccola corrente elettrica fluisce tra i due corpi e i solfuri aderiranno all'alluminio piuttosto che all'argento. Come pulire l'argento: procedete in questo modo Per pulire l'argento in modo semplice e veloce, foderate il fondo di un contenitore di vetro con un foglio di alluminio. Posizionate l'argento nel contenitore, assicurandovi che tutti i pezzi d'argento siano in contatto con il foglio di alluminio. Portate l'acqua ad ebollizione in una pentola, aggiungete una tazza di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di sale per ogni litro d'acqua e agitate la soluzione. Versate molto attentamente l'acqua calda nel contenitore di vetro e lasciate l'argenteria in immersione per 5 minuti. L'annerimento dell'argento scompare quasi immediatamente. Se, invece, l'argento è parecchio scuro è possibile che sia necessario ripetere l'operazione più volte. Leggi anche Come pulire l'acciaio per farlo brillare Come pulire con le bucce d'arancia Come eliminare il calcare dai sanitari
CONDIVIDI

Consigli

Capita spesso di incontrare qualche difficoltà nel pulire l'acciaio. Sì, perché nonostante le vostre pentole vengano lavate con cura, vi sembrerà che non siano mai lucide e brillanti come appena comprate. Ma non perdetevi d'animo. Tenendo conto di qualche piccola accortezza e con il trucchetto che ora vi sveleremo, pulire e far brillare l'acciaio sarà un gioco da ragazzi. Il nostro consiglio per pulire l'acciaio è quello di scegliere un detergente naturale, evitando l'acquisto di prodotti chimici e, talvolta, costosi. Per pulire pentole, caffettiere o elettrodomestici in acciaio inox sono sufficienti spugne e soluzioni naturali, facili da preparare in casa. Senza contare il risparmio economico e la scelta Eco Bio, ottima per la salvaguardia dell'ambiente. Vediamo come procedere per preparare in casa un detergente naturale adatto a pulire e far tornare il vostro acciaio splendente come il primo giorno. Pulire l'acciaio: cosa vi occorre Aceto Olio vegetale: 1 cucchiaio Fragranza naturale per la profumazione (limone, arancia, vaniglia) Erogatore spray Pulire l'acciaio: come procedere Unite nell'erogatore spray l'olio vegetale con una parte di acqua e due di aceto bianco. Aggiungete inoltre 10-15 gocce di limone, arancia o estratto di vaniglia. Agitate bene prima dell'uso. Procedete spazzolando le pentole con una spazzola a setole morbide, acqua calda e lo spray appena preparato. Una volta pulito l'acciaio, asciugate con un panno asciutto. Se, invece, avete a che fare con grasso ostinato, diluite dell'aceto su un panno in microfibra e agite direttamente sullo sporco. Dopodiché, per finire di pulire l'acciaio, passate all'utilizzo dello spray. Pulire l'acciaio: consigli e avvertenze Per mantenere sempre splendente l'acciaio inox, senza bisogno di usare olio di gomito, di tanto in tanto, passate una spugna umida e asciugate con un panno asciutto. Non usate prodotti abrasivi come sale o bicarbonato di sodio, soprattutto sull'acciaio inox satinato. L'acciaio spazzolato si logora facilmente, creando una superficie graffiata e sgradevole. Tuttavia, il bicarbonato può essere usato come detergente abrasivo per pulire l'interno delle pentole in acciaio e rimuovere così le macchie più ostinate. Leggi anche Come pulire la tappezzeria Come eliminare il calcare Rimedi naturali per la bellezza del viso
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv