alice lifestyle leonardo marcopolo

Con l’arrivo della primavera, delle belle giornate, soleggiate e calde, iniziano le prime gite fuori porta. Mare o montagna che sia la meta, molte volte non facciamo caso al pericolo scottature che corriamo mentre giochiamo a pallone, o facciamo lunghe camminate.

Non avvertendo lo stesso calore che sentiamo a luglio o agosto, è errore comune pensare che sotto il sole della primavera siamo al riparo dal classico pericolo dell’estate: le scottature.

L’intensità del sole primaverile, invece, è pari a quella dell’estate, con la differenza che la pelle che esponiamo ad aprile o maggio è sicuramente meno preparata ad un esposizione solare.

Figuriamoci, poi, se parliamo dei bambini. La loro pelle essendo molto delicata è sicuramente più esposta a possibili scottature.

Ma sempre per quanto riguarda i bambini, non sono le scottature l’unico problema. Giovanni Leone, responsabile del settore di Fotodermatologia dell’istituto San Gallicano di Roma, dichiara che le ustioni solari dei bambini possono essere causa di melanomi in età adulta. Addirittura il dottor Leone consiglia per i bambini, oltre all’uso di una protezione 50+, anche di indossare una maglietta e un cappellino proprio perché le creme solari non sono sufficienti.

Assolutamente da evitare, invece, sono le ore del primo pomeriggio ovvero dalle 12 alle 15, in cui l’incidenza solare è molto alta e difficile da proteggere.

La primavera è l’occasione giusta anche per un altro importante motivo: il controllo dei nei.

È una buona cosa, infatti, far controllare prima di partire per le vacanze estive i nei dei vostri bambini, dal momento che durante le vacanze soprattutto se al mare, l’esposizione al sole è sicuramente maggiore.

Il sole è un ottimo agente che aiuta a far crescere i vostri bimbi con ossa sane e robuste ma può diventare anche un rischio se non si utilizzano le adeguate precauzioni.

Vi suggeriamo, dunque, di seguire i consigli degli esperti e di fare scorta di efficienti protezioni solari per godervi un meritato riposo estivo e far giocare i vostri piccoli  in spiaggia, in totale tranquillità.

Leggi anche:

Bimbi al sole: ossa più sane

Bambini a tavola senza capricci! 

Share This