alice lifestyle leonardo marcopolo

La bellezza è sinonimo di salute, di equilibrio, e una pelle radiosa, sana, dipende anche da una corretta alimentazione.

La dermatologia moderna, si avvale della cosiddetta “skin diet”, la dieta della pelle, che punta sulla corretta informazione legata agli alimenti e soprattutto su alcuni miti da sfatare legati ai cibi.

Belli mangiando

La dieta per la pelle

Un interessante convegno, organizzato da Skineco (associazione int. di Ecodermatologia) dal titolo “Belli mangiando, la salute della pelle passa per la tavola“, ha trattato proprio questo argomento e la correlazione tra alimentazione e salute della pelle. Salute che non passa solo attraverso il concetto di bellezza estetica ma anche alla risoluzione delle patologie cutanee.

Ma prima di parlare di corretta alimentazione e skin diet, ci sono alcuni miti da sfatare legati ai cibi. L’esperta di dermatologia cosmetologica Pucci Romano ha stilato un piccolo e illuminante elenco:

I miti da sfatare legati all’alimentazione

La dieta della pelle

  1. Mangiare cibi grassi fa male alla pelle: questo è vero per quanto riguarda i grassi saturi, ma non tutti i grassi, come i grassi mono e polisaturi (Omega 3;6; 9). Li troviamo ad esempio nell’olio extravergine di oliva o nel pesce (specie quello azzurro) e sono un aiuto straordinario per mantenere in ordine la barriera cutanea.
    Discorso diverso per quanto riguarda i grassi idrogenati presenti in merendine, pane confezionato, margarina e cibo già pronto. I grassi idrogenati causano un innalzamento del colesterolo cattivo (LDL) e nello stesso tempo provocano una diminuzione del coloesterolo buono (HDL), peggiorando quindi “su due fronti” il rischio di incidenti cardiovascolari.
    A differenza dei grassi saturi che, nelle quantità corrette, sono utili all’organismo, i grassi idrogenati non sono assolutamente necessari. In altre parole la quantità giornaliera raccomandata è di zero grammi.
  2. Non è vero che il cioccolato fa venire i brufoli. Il cioccolato fondente è ricco di antiossidanti , i polifenoli. Ha dunque un’azione antinfiammatoria e nessuna controindicazione per chi soffre di acne. Naturalmente parliamo di cioccolato puro come quello di Modica.
  3. L’acqua non fa miracoli. O almeno non c’è nessuna rilevanza scientifica che i famosi 8 bicchieri d’acqua aiutino a dimagrire.

La dieta della pelle

  1. Gli integratori non sostituiscono frutta e verdura. Come dice la parola stessa “integrano”…
  2. Non è vero che il latte aiuta la pelle a disintossicarsi, anzi il latte ultimamente è “sotto stretta sorveglianza”
  3. La nuova tendenza, confortata da rilievi scientifici è quella di misurare il livello di infiammazione indotto dal cibo attraverso il dosaggio di particolari mediatori cellulari (BAFF, RAF, IL6, TNF-alfa).

La dieta della pelle

foto Maschera viso fai da te

Nasce la SKIN DIET, una dieta e soprattutto una cucina pensata per la pelle e il cibo come supporto e sinergia alla terapia e in cui l’intestino è il “secondo cervello”.

La dieta “per la pelle” è una dieta equilibrata rispetto ad altezza, età ed attività fisica, ed è costituita :

  • Carboidati 55-60% dell’apporto calorico
  • Proteine 1-1,2GR/KG di peso teorico (BMI)
  • Lipidi 25-30% dell’apporto calorico

Grande importanza dunque, alla dieta mediterranea e ai carboidrati che quasi tutte le diete ci impongono di eliminare.

La ‘dieta per la pelle’ dovrebbe essere ricca in verdura, frutta fresca e secca, semi, cereali integrali e latticini ipocalorici, carni bianche e pesce e povera di grassi saturi, zuccheri, carboidrati raffinati, carni rosse.

Ogni carenza legata ad un disequilibrio alimentare ha una ripercussione diretta sulla qualità della pelle e sull’azione distruttiva dei radicali liberi. Per combatterli, vitamine e minerali svolgono un ruolo fondamentale.

foto per fase di crociera, dieta dukan

Non solo, è stato dimostrato che le malattie della pelle si curano anche a tavola. Da recenti studi è stato riscontrato infatti, come psoriasi, dermatite atopica e porfiria, possono migliorare con dieta e cibo giusto.

Il nuovo corso dell’alimentazione non è solo ‘perdita di peso’ ma benessere, antiaging e se possibile, prevenzione sia di malattie cutanee.

Share This