A dieta con la luna
La dieta del dolce…una dieta da sogno
Dieta del gruppo sanguigno: la parola alla scienza

Avete mai pensato che, forse, una dieta che non funziona non è sempre una dieta sbagliata, ma semplicemente una dieta non adatta al vostro organismo? La dieta che questa volta abbiamo deciso di proporvi è la dieta del gruppo sanguigno. Una dieta che può dimostrare tutta la sua efficacia proprio perché pensata e creata in base ad un elemento basilare: il vostro gruppo sanguigno.

A portare avanti questa particolare teoria è stato il naturopata americano Peter D’Adamo, secondo cui in base ad ogni diverso gruppo sanguigno sono consigliati alcuni alimenti piuttosto che altri.

Vi state chiedendo da dove deriva una simile teoria? Semplicemente dalla storia e dalla nascita dei nostri gruppi sanguigni, evoluti con l’uomo e i suoi cambiamenti alimentari.

Il gruppo sanguigno, essendo nato in un determinato momento storico, ha bisogno di nutrirsi seguendo un’alimentazione il più possibile simile a quella in cui si è formato.

È così che Peter D’Adamo divide i gruppi sanguigni in base alla loro formazione storica e ne trae gli alimenti consigliati (detti benefici perché utili all’organismo), indifferenti (che agiscono sull’organismo come cibi normali) e quelli da evitare perché nocivi  al proprio gruppo sanguigno.

Conosciamo brevemente ogni gruppo sanguigno e la dieta corrispondente:

Il GRUPPO 0: è il gruppo del Cacciatore, formatosi circa 50.000 anni fa, quando l’uomo (cacciatore) si nutriva principalmente di carne, ricca di proteine.

Per il Gruppo 0 vengono indicati i seguenti cibi:
Benefici: agnello, montone, manzo, vitello, pesce, frutta, verdura, selvaggina
Indifferenti: spinaci, fegato, broccoli, carni rosse.
Da evitare: legumi, cavoli, uova, maiale, caviale, formaggi, cereali, crocifere

Il GRUPPO A: nato circa 25.000-15.000 anni fa quando l’uomo nella sue evoluzione ha iniziato a coltivare l’agricoltura e ad allevare gli animali.

Per questo gruppo gli alimenti corrispondenti sono:
Benefici: latte e formaggi di soia, olio di lino, semi di zucca, fagioli, amaranto, pane e grano saraceno, le farine di riso, segale avena, germe di grano, lenticchie, arachidi.
Indifferenti: ananas, oli vegetali, verdure, soia.
Da evitare: germe di grano, arance, mandarini, fagioli rossi, sogliole, solanacee, carne.

Il GRUPPO B: è il gruppo sanguigno delle popolazioni nomadi che vivevano di pastorizia e risale a circa 10.000-15.000 anni fa, quando l’uomo si alimentava principalmente con carne e latticini.

Gli alimenti corrispondenti al Gruppo B sono:
Benefici: riso, orzo, frutta, latticini, verdura, montone, agnello, coniglio
Indifferenti: carne, uova, fegato e verdure.
Da evitare: crostacei, semi, noci, frumento, mais, ceci, pollo, maiale, melograno, fagioli neri.

Infine c’è il GRUPPO AB: ovvero l’ultimo gruppo sanguigno formatosi 1.000 anni fa dall’unione del gruppo A con il B, per la mescolanza dei romani (gruppo A) con i barbari (B).

A questo gruppo sanguigno corrispondono i seguenti cibi:
Benefici: formaggi morbidi, verdura, frutta, tofu, pesce, tacchino, agnello e lumache.
Indifferenti: ciliegie, prugne, ananas.
Da evitare: crostacei, funghi, frutta tropicale, pollo, arance, maiale, manzo.

Detto questo è il caso di aggiungere che la scienza non si è pronunciata proprio a favore di una dieta di questo tipo. Una della varie accuse è stata quella che ciascun organismo con questa dieta va a mancare di alcune proteine e vitamine essenziali per la sua salute.

La dieta del Gruppo 0, ad esempio, essendo priva di latticini non fornisce il calcio necessario, esponendo il soggetto a dieta ad alti rischi di osteoporosi.

Senza contare, poi, le varie allergie e intolleranze di ognuno di noi che, devono necessariamente essere prese in considerazione, a prescindere da qualsiasi gruppo sanguigno.

Ancora una volta la dieta mediterranea, composta da quasi tutti gli alimenti, torna ad essere una delle migliori diete in assoluto. Del resto perché fare un salto nel passato e tornare ai limitati alimenti di millenni fa quando abbiamo la possibilità di mangiare e assaggiare cibi vari e molti più gustosi?

Leggi anche:

Dieta della Bibbia: la fede salvalinea

A dieta con la luna

Baby Food Diet: la dieta bizzarra delle Star

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Dieta

Dieta in menopausa: non solo per dimagrire ma per vivere meglio Ah, la menopausa. Una frontiera che ogni donna alla soglia dei cinquanta, prima o poi, deve superare. Tra i diversi problemi che può comportare l'arrivo della menopausa è proprio un aumento di peso che, spesso, non sempre si riesce a risolvere con una comune dieta. Ciò non toglie che sia possibile, o addirittura semplice, dimagrire dopo la menopausa. Tutto quello che vi occorre è semplicemente un aiuto adeguato alla circostanza. Una dieta durante la menopausa, però, è essenziale non solo per dimagrire ma anche per mantenere in forze e in salute l'organismo. Certo, alcuni sintomi e fattori di rischio non possono essere eliminati neanche con un'attenta dieta, ma sicuramente è utile per alleviare alcuni effetti della menopausa. Quando si è in menopausa, alla base di ogni dieta, c'è l'importanza di mangiare un'ampia varietà di alimenti per trarne tutti i nutrienti necessari. Dal momento che la maggior parte delle diete sono a basso contenuto di calcio e ferro, sarà bene seguire queste semplici linee guida. Dieta in menopausa: calcio e latticini Avere abbastanza calcio è essenziale in una dieta equilibrata durante la menopausa. Si consiglia di mangiare o bere, ogni giorno, dalle 2 alle 4 porzioni di latticini e alimenti ricchi di calcio. Il calcio non si trova solamente nei latticini, ma anche nel pesce (sardine e salmone), nei broccolo e nei legumi. L'obiettivo è raggiungere 1,2 grammi al giorno di calcio. Se volete dimagrire, cercate di prendere il calcio da frutta, verdura e legumi, sostituendo i latticini. Dieta in menopausa: il ferro Mangiate almeno tre porzioni di cibi ricchi di ferro al giorno. Potete trovare il ferro nella carne rossa magra, pollame, uova, pesce, verdure a foglia verde, frutta secca, cereali e, in particolare, il grano. La dose giornaliera di ferro raccomandata nelle donne in menopausa è di 8 milligrammi al giorno. Dieta in menopausa: le fibre Le fibre sono a dir poco essenziali in una dieta per la menopausa. Aiutano, ad esempio, l'organismo nella regolarità intestinale che, con la menopausa potrebbe venir meno. Non fate mai a meno di alimenti come il pane di grano intero, cereali, pasta, riso, frutta fresca e verdure. La maggior parte delle donne adulte dovrebbe assumere circa 21 grammi di fibre al giorno. Dieta in menopausa: l'acqua Bere molta acqua. Una regola generale presente in ogni dieta, da quelle dimagranti alle diete in menopausa. La regola generale è bere otto bicchieri di acqua ogni giorno, così da soddisfare il fabbisogno giornaliero. Dieta in menopausa: come dimagrire In menopausa è sempre consigliabile mantenere un peso sano e adeguato alla vostra corporatura. Se siete in sovrappeso, riducete le quantità delle porzioni e mangiate meno cibi ad alto contenuto di grassi. È fondamentale, però, nell'arco della giornata, non saltare neanche un pasto. La quantità di grassi da assumere in un giorno dovrebbe essere meno del 25%-35% delle vostre calorie totali giornaliere. Mentre il limite di grassi saturi dovrebbe scendere a meno del 7% delle calorie totali giornaliere. I grassi saturi, presenti nelle carni grasse, latte intero, gelati e formaggi, aumenta il colesterolo e aumenta il rischio di malattie cardiache. Limitate gli alimenti ricchi di colesterolo a meno di 300 milligrammi al giorno. Dieta in menopausa: ultimi consigli Utilizzate sale e zucchero con moderazione. Troppo sodio nella dieta in menopausa (e nell'alimentazione quotidiana) si lega ad un aumento di pressione. Inoltre, non esagerate con i cibi affumicati e troppo cotti. Questi ultimi contengono alti livelli di nitrati, collegati a fattori tumorali. Ricordate, in ultimo, di limitare l'alcool a uno o mezzo bicchiere al giorno. Leggi anche Diete dimagranti e diete veloci  A dieta con gli snack giusti Dieta Miami: 3 chili in 3 giorni
CONDIVIDI

Alimentazione

Chiunque tenti il primo approccio ad una qualsiasi dieta pensa che mangiare i carboidrati sia lo sbaglio più grande che si possa fare. Sbagliato. Una dieta corretta ed equilibrata prevede tutti i principali gruppi alimentari di proteine, grassi e carboidrati. Qualsiasi medico nutrizionista potrà confermarvi che una dieta sana è costituita da ogni tipo di sostanza nutritiva, anche dei grassi. L'errore in cui spesso si incappa è quello di mangiare carboidrati in un  momento sbagliato della giornata. A confermare questa teoria è anche il dottor James Rouse, autore del libro Think, Eat, Sposta, Thrive: Il momento migliore della giornata per consumare carboidrati è quando i livelli di insulina sono alti. I carboidrati vengono ripartiti e convertiti in glucosio (zucchero nel sangue) nel nostro corpo. La sensibilità all'insulina è legata al modo in cui il corpo gestisce il glucosio. Si ha una maggiore sensibilità all'insulina quando ne è necessaria di meno per gestire il glucosio in arrivo; mentre si indica come insulino-resistente un corpo che ha bisogno di più insulina per elaborare la giusta quantità di glucosio. Più in generale, le funzioni del corpo rispondono meglio ai carboidrati in un momento della giornata in cui siamo più preparati a gestirli. Questo accade, di solito, durante la mattinata o dopo un allenamento. Naturalmente mangiare carboidrati in queste ore del giorno non autorizza a consumarne in quantità eccessive o lasciarsi andare ai "peccati di gola". Non solo la tempistica ma anche qualità e la tipologia dei carboidrati è molto importante in una dieta, sostiene il dottor Rouse. Ad esempio, se si mangiano delle ciambelle dopo un allenamento di fitness non è sicuramente una mossa migliore del mangiare broccoli, cavoli o quinoa durante la cena. La tipologia di carboidrati può variare di molto l'esito di una dieta, avendo un forte impatto anche sulle prestazioni fisiche e mentali. Per chi vuole seguire una dieta sana ed equilibrata, consigliamo carboidrati dal carico calorico basso, come ad esempio: verdure a foglia verde, patate dolci, legumi e piccole porzioni di cereali integrali come riso, amaranto, quinoa, teff e grano biologico intero. Se, poi, proprio non riuscite a resistere alle tentazioni cercate di concentrarle nelle ore del mattino o dopo un tonificante allenamento di fitness. Leggi anche Dieta chetogenica Dieta veloce: consigli per perdere peso Come bruciare i grassi velocemente
CONDIVIDI

Dieta

Se ne inventano proprio tutte per dimagrire velocemente... E a tal proposito sono, in arrivo dal mondo, 5 modi bizzarri ma efficaci per riuscire a dimagrire con poche accortezze. Non ci credete? Scoprite questi semplici modi per dimagrire e perdete peso con noi. 1 modo per dimagrire: acqua calda Sono sempre più numerosi quelli che preferiscono bere acqua fredda, soprattutto in estate, quando il caldo diventa asfissiante. In realtà se state cercando di dimagrire, l'acqua calda (o tiepida) potrebbe esservi d'aiuto. È stato dimostrato, infatti, che l'acqua calda contribuisce a farvi sentire sazi più a lungo. Se proprio non riuscite a bere acqua calda o tiepida, aggiungete una bustina di tè o una tisana per insaporire la vostra bevanda. 2 modo per dimagrire: evitare la tv Restare troppo tempo davanti alla tv è stato dimostrato non essere utile alla nostra linea, oltre che alla socialità della famiglia. Mangiare i pasti seduti davanti al televisore, infatti, sembra porti a consumare più cibo poiché, essendo distratti da altre cose, non ci rendiamo conto effettivamente di quanto mangiamo. Senza contare che ci sono varie teorie in cui si sostiene che dormire aiuti a perdere peso... 3 modo per dimagrire: l'abbigliamento giusto Forse non ci crederete ma cenare o pranzare in pigiama, fa sì che si esageri con le quantità. Diversi studi hanno dimostrato che, indossando un abbigliamento comodo come una tuta o un pigiama in casa, ci sentiamo inconsciamente più tranquilli e, quindi, più propensi a sgranocchiare snack e goloserie varie. Il nostro consiglio? Indossare un outfit comodo come leggins e canottiera ma che non vi faccia perdere il contatto con la silhouette. 4 modo per dimagrire: i batteri I batteri giocano un ruolo importante nel nostro metabolismo come anche nell'appetito. Non tutti sanno, infatti, che aumentando la quantità di cibi ricchi di probiotici (fermenti lattici) è possibile mangiare senza eliminare troppe calorie. Al momento, le ricerche a tal proposito non sono ancora state portate a termine. Ma finora è stata scoperta una stretta relazione tra la flora batterica intestinale e la tendenza a prendere peso. Ad ogni modo, è indubbio che l'assunzione di probiotici contribuisca al benessere intestinale, ad aumentare le difese immunitarie e a fornire all'organismo una sferzata di energia. 5 modo per dimagrire: le spezie Studi recenti sostengono che, inserendo in una dieta alimenti piccanti (in particolare il pepe di cayenna o peperoncino) è possibile accelerare il metabolismo. Numerose ricerche hanno dimostrato, infatti, che il pepe è in grado anche di rallentare la crescita delle cellule adipose. Inoltre, il peperoncino, è un ottimo aiuto nella lotta all'obesità. Il motivo risiede nella capsaicina, un principio attivo contenuto nel peperoncino, utile per tenere sotto controllo il peso corporeo ma anche nella cura di dolori reumatici e muscolari. Leggi anche Dimagrire in fretta ma riprendere peso: i 5 motivi I 7 motivi che provocano un aumento di peso Calorie negative: dimagrire mangiando
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv