alice lifestyle leonardo marcopolo

Per capire meglio cosa ci aspetta nel 2013, ci siamo rivolti a Susy Grossi, astrologa d’esperienza e donna di grande temperamento. Con lei scopriamo insieme cosà ci riserva il nuovo anno in base a quanto avviene sopra le nostre teste: pianeti e satelliti si spostano e influenzano inevitabilmente i nostri destini.

Red. Susy, possiamo considerare davvero concluso l’annus horribilis 2012?
SG. Il 2012 è stato indubbiamente un anno importante ma a volte un tantino problematico, determinante per tante occasioni che si sono trovate ad un giro di boa le quali, in verità si sono rivelate in molti casi più toste di quanto ci aspettassimo!
Non per nulla il cielo del 2012 assomigiava parecchio a quello del 1929, l’anno della famosa Grande Depressione!
Di recente hanno contribuito a suggerirci insicurezze e timori le tanto sbandierate e attese situazioni di crisi per la terra le pubblicizzatissime profezie dei Maya, i sogni profetici degli indiani Hopi, e altre circostanze fantasiose, ma comunque i catastrofisti si sono trovati una volta ancora (fortunatamente) con le pive nel sacco!

Red. Qual è il nesso tra i movimenti che avvengono nel cielo e i nostri destini qui sulla terra?
SG. Le previsioni astrologiche si deducono dal movimento dei pianeti, da quelli veloci, cioè quelli che seguono grossomodo il movimento annuale del Sole, fulcro del sistema solare al quale la Terra appartiene, e cioè, Mercurio Venere e poi pure Marte, e quello dei pianeti chiamati “pesanti” perchè si muovono nello Zodiaco.
In soldoni stiamo parlando di Giove che si ferma un anno circa in ogni Segno, di Saturno (due anni e mezzo), di Urano che sta in un Segno 7 anni, Nettuno che ne impiega 14 e poi di Plutone, cioè quelli più lontani dalla nostra stella di referimento, il Sole.

Red. Quali movimenti astrali caratterizzeranno maggiormente l’anno 2013?
SG. Nel 2013 le situazioni celesti auspicano condizioni nelle quali l’avvenire di noi tutti si presenti meno “severo”, comportano alternative che fino a ieri non erano nemmeno ipotizzabili. Plutone nel Capricorno e Urano di stanza nell’Ariete mettono in movimento forze concentrate ed energiche, determinatissime e assai vitali, le quali però usano metodi diversi e a volte fra loro sono in disaccordo generando scontri.
Nettuno nei Pesci è animatore del meraviglioso rilancio, fantasioso e magico, di una sensibilità più accentuata in ciascuno di noi, con lampi intuitivi che spalancano a volte le porte di conoscenze misteriose ed arcane…
Il bisogno di controllo e di saggia razionalità di Saturno trova terreno fertile nello Scorpione, Segno capace con il suo aiuto di disciplinare meglio le sue potenzialità evitando contestazioni ma dando spazio a scopi pratici, monetizzabili e concreti. Giove trascorrerà la prima parte dell’anno nei Gemelli e i mesi successivi nel Cancro, contribuendo con la sua fortunata presenza a dare dapprima ai Segni d’Aria una vigorosa mano per emergere, e poi unendosi ai pianeti ora buoni estimatori celesti dei segni d’Acqua, cioè si unisce al coro della presenza di Nettuno e Saturno nei Pesci e in Scorpione. Anche Mercurio, un pianeta veloce, avrà da dire la sua perchè fra febbraio e marzo, fra giugno e luglio e fra ottobre e novembre sosterà con insistenza nei Segni d’Acqua, dando quindi l’apporto della sua vivacità dinamica e scanzonatamente briosa proprio a queste tre emanazioni zodiacali.

Red. La nostra “povera” Italia, si riprenderà?
SG. Assisteremo in Italia segni di un miglioramento in realtà meno lento e stentato di quanto si pensi. Per l’attuale Presidente del Consiglio Mario Monti, un Pesci del 1943, non sarà per nulla facile defilarsi e affidare al altri il suo compito.
Lo stesso vale per l’intera Unione Europea. Giove nella sua sosta nei Gemelli e poi nel Cancro nel 2013 dovrebbe arginare l’emorragia di cervelli giovani e preparati verso paesi d’oltralpe, mentre Saturno nella sua sosta scoprionica metterà un serio stop e dei consistenti paletti ad evasione e a introiti truffaldini e segreti. In ripresa la Gran Bretagna, più elasticamente avventurosa e meno formale del solito, mentre nella Francia, per Hollande (Leone del 1954) potrà  trovare soluzioni a problematiche ormai vecchiotte sarà alquanto difficoltoso.

Red. Sarà ancora la Germania a dominare la scena?
SG. La Gemania troneggerà ancora sulle ali di un’economia baldanzosa e solida mentre Angela Merkel, una cancro del 1954, alla prova dei fatti potrebbe ricevere meno consensi di quanto si aspetti.

Red. E l’America di Obama?
SG. Barak Obama, un Leone del 1961 rinfrancato dalla rielezione, porterà avanti i programmi di giustizia sociale con piglio meno incerto di prima mentre per l’America del Sud è stimabile ancora in un clima “caldo”, con aperti contrasti fa potere istituzionale e un ben altro tipo di organizzazioni.

Tornando al di qua dell’oceano, Vladimir Putin continuerà ad imperversare, scollando anche in quel grande Paese l’opinione pubblica dalla Nomenklatura privilegiata e scaltra. Ogni mondo è paese…
La Grecia nonostante tutte le voci allarmiste che la riguardano cela farà a rientrare nei parametri di compatibilità con la Comunità Europea come afferma a chiare lettere il Tema Orosocpico della sua Costituzione.
India e Cina, infine,  continuano la corsa ai miglioramenti, alla conquista di qualificazioni internazionali e benessere socialmente più diffuso, con sorpassi reciproci però in ambiti comunque diversi, e con prospettive per loro assai trainanti.

Share This