alice lifestyle leonardo marcopolo

Tutti trascorriamo parecchio tempo in ambienti chiusi. Ora, però, i medici temono che questa abitudine possa incidere negativamente sulla salute dei nostri figli, specialmente dopo il recente e preoccupante ritorno del fenomeno del rachitismo, una malattia che causa l’indebolimento delle ossa e problemi di conformazione.

Il rachitismo, che colpisce prevalentemente i bambini di età compresa tra i 6 e i 24 mesi, si riteneva ormai debellato, in Italia, all’inizio del XX secolo. Tale condizione è causata da carenza di VITAMINA D. La fonte più comune di vitamina D è proprio il sole.
Con questo, se il bambino è soggetto a stare troppo tempo chiuso in casa, oppure ad essere eccessivamente coperto quando la mamma lo porta fuori, i livelli di vitamina D tendono a scendere in maniera preoccupante!

Bambini….usciamo!
Per correre ai ripari, i genitori dovrebbero fare in modo che i loro bambini stiano all’aria aperta almeno 30 minuti al giorno, per 3 volte alla settimana. Ovviamente bisogna fare attenzione a quei giorni in cui fa molto caldo, quando perfino pochi minuti di sole particolarmente forti possono bruciare la pelle delicata del bimbo.
Nei mesi estivi porta fuori tuo figlio alla mattina presto o al pomeriggio tardi, cercando comunque di farlo stare il più possibile all’ombra.

Quando il sole non basta…
Ma uscire 30 minuti per 3 volte a settimana non basta ad assorbire la quantità necessaria di vitamina D, occorre dare ai nostri bambini la giusta alimentazione: ad esempio, le uova e il pesce grasso sono alimenti ricchissimi di vitamina D.
Anche alti livelli di calcio possono portare al rachitismo, per questo dovresti dare da mangiare a tuo figlio formaggi e latticini e tante verdure a foglia verde. 

Spesso il padiatra consiglia alle mamme di somministrare vitamina D al loro bimbo dopo il sesto mese di vita e per i successivi cinque anni, attraverso integratori.

Per il resto, una sana alimentazione e la giusta luce del sole possono bastare a fornire una giusta quantità di vitamina D, per la salute ossea del tuo bambino.

Share This