Danilo Marchetti si racconta a Voci dalla Notte
La Voce dalla Notte dell'imprenditore Mario Bortoletto
Azienda Supema: una Voce dalla Notte

Un’azienda familiare nata nel 1980, unita alla forza di volontà e al coraggio di tre fratelli che stringono i denti per tenere in piedi la loro piccola impresa.

È questa la difficile storia dell’azienda Supema, presentata, senza filtri, dalla giornalista Didi Leoni nella seconda puntata di Voci dalla Notte, il nuovo programma di attualità in onda su Arturo.

La stampa è sempre stata tradizione di famiglia; un tratto distintivo che risale a prima della guerra, quando la famiglia Cilia aveva una tipografia anche a Bengasi. Al momento i soci della Supema sono tre: due fratelli Cilia Giovanni e Cilia Francesco; e un cognato, Bonaduce Domenico, marito della sorella Cilia Maria Gabriella, come socio esterno.

I soci della Supema, oltre ad essere alla guida dell’azienda, sono anche lavoratori della stessa, impegnati nel coprire più ruoli, dall’amministrazione all’uso delle macchine, per cercare di risparmiare sulle soffocanti spese. 

Lo scopo principale, che fin dall’inizio si sono prefissati, è stato lavorare sempre con la massima correttezza (sia riguardo ai dipendenti che a terzi) e precisione, perché il loro è un lavoro dove la qualità viene collocata al primo posto. Una solida e corretta base da cui partire per gestire un’azienda che, in questo preciso momento storico, tende a vacillare per le critiche circostanze sociali. 

Oltre al capitale umano (4 dipendenti specializzati), la Supema deve fare i conti con l’impegno economico per luogo di lavoro e soprattutto con il capitale tecnico (parco macchine), da mantenere sempre al passo con i tempi per fronteggiare la concorrenza del mercato.

Altro problema cruciale e ricorrente è la riscossione dei crediti che, talvolta, salta per mancati pagamenti del cliente. Al mancato pagamento nei termini di scadenza, si aggiunge anche la carenza di leggi e garanzie, atte a recuperare i crediti mancanti e a tutelare l’imprenditore.

Proprio per rimediare a due mancati incassi, e per risolvere problemi relativi a macchinari interni, la famiglia si è trovata, qualche anno fa, a dover pagare un mutuo e due leasing che, in aggiunta agli interessi maturati con le banche e a varie possibilità dalle stesse negate, hanno portato l’azienda ad una crisi insostenibile.

Al momento il motto della famiglia Cilia è “viviamo per lavorare” e non il contrario come, invece, dovrebbe essere. La loro non è una vita semplice, sono dipendenti di loro stessi e per di più responsabili di altri lavoratori, della loro salute, del loro stipendio.

Noi siamo considerati delle figure giuridiche (S.r.l.) ma siamo in primis delle persone, che non sono riconosciute o tutelate da nessun sindacato, associazione di categoria né, tantomeno, dallo Stato”.

Questa è la voce nella notte di un’intera e grande famiglia a capo di Supema, un’azienda storica che, nonostante le chiare e pressanti difficoltà economiche che sta vivendo, tenta con tutte le sue forze di continuare a preservare il suo piccolo spazio nel mondo del mercato. 

Restate sempre informati sulle storie di Voci dalla Notte, racconti di comuni cittadini e imprenditori che lanciano il loro grido di speranza alle telecamere di Arturo.

Scoprite la programmazione completa di Voci dalla Notte consultando la GUIDA TV.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Bellezza

Un nuovo trend è in arrivo dagli USA: per essere più belli sui social network si va dal chirurgo estetico. A confermarlo è Patrizia Gilardino, chirurgo plastico di Milano e particolarmente attenta alle nuove tendenze estetiche. A chi non è mai accaduto, almeno una volta, di aver voluto cancellare una propria foto condivisa in rete? Quanti di voi si piacciono veramente nelle foto che vengono pubblicate sui social network? Senza contare che l'impietosa videocamera del cellulare o del computer non aiuta a rendere giustizia. Accade che ci si rivede da un'ottica diversa e , spesso, si scopre un'immagine di sé che non ci convince e non ci si aspetta. Una ruga di troppo che non era stata notata, una particolarità del volto che viene accentuata e che magari sfugge davanti allo specchio. Ebbene, i social network e i nuovi media aiutano ad evidenziare questi difetti. In una società dove l'apparenza prende il posto di valori più profondi e si è continuamente chiamati a confrontarsi con la propria immagine, l'estetica, senza poter ricorrere al fotoritocco, diventa un obiettivo soprattutto per i più giovani. Spiega Patrizia Gilardino: Oggi si scattano foto o si girano video con maggiore frequenza rispetto al passato e ci sono quindi anche più occasione per confrontarsi con la propria immagine e con i segni del tempo. Si notano più facilmente i cambiamenti: una piccola ruga, l'occhiaia più marcata o la palpebra leggermente cadente che attribuisce un'aria stanca ci fanno vedere come effettivamente ci vedono gli altri. Negli Stati Uniti hanno già ribattezzato la tendenza Facebook-lift. Pur essendo difficile misurare il fenomeno, qualche segnale del diverso approccio dei pazienti c'è anche in Italia. Innanzitutto I pazienti quando si presentano in studio hanno ben chiaro dove vogliono intervenire e cosa attenuare. Inoltre i modelli di riferimento non sono più tanto i divi del cinema o delle passerelle, come poteva essere fino a qualche tempo fa, quanto loro stessi, solamente qualche anno prima, continua il chirurgo estetico. I social stanno diventando quindi lo specchio del tempo che passa. Cambiando così l'approccio alla chirurgia estetica. In effetti prima ci si rivolgeva dal medico estetico in occasioni di importanti cambiamenti nella propria vita: un matrimonio o una separazione, una gravidanza o un nuovo lavoro, erano questi i principali motivi che spingevano i pazienti, indistintamente uomini e donne, in studio» ricorda Gilardino. Oggi la tendenza è diversa. Chi era diffidente anche davanti ad una iniezione di filler, chiede di poter migliorare il proprio aspetto attenuando qualche segno del tempo dal proprio viso. Le richieste si concentrano prevalentemente nella zona del volto. Nella maggior parte dei casi si tratta di attenuare qualche ruga del contorno occhi oppure restituire volume a delle labbra che si sono assottigliate troppo: situazioni che si affrontano con l'utilizzo di filler specifici, botulino, laser o radiofrequenza. Non mancano i pazienti che invece chiedono un intervento chirurgico, una blefaroplastica per migliorare la zona dello sguardo o un lifting del viso. Leggi anche Come ringiovanire la pelle del viso in 5 mosse Smartlipo: la bellezza a portata di mano Chirurgia plastica: gli interventi in Italia Ritocchini a rate: a cosa non rinunciano le donne
CONDIVIDI

Società

Per Antonio Catalano, imprenditore toscano, fare impresa significa anche fare cultura, creare qualcosa di utile per la società oltre che per l’economia del Paese. Troppo spesso, però, questo semplice ma fondamentale concetto passa in secondo piano, lasciando le piccole e medie aziende abbandonate a se stesse. La storia di Antonio Catalano, presentata senza mediazioni da Didi Leoni alle telecamere di Voci dalla Notte, non è diversa da quella di molti altri imprenditori alle prese con la drammatica crisi economica. Una crisi che continua, spietata, a fare le sue vittime nel mondo della piccola e media imprenditoria. L’esperienza di Antonio Catalano nel mondo dell’imprenditoria nasce nel 1987 quando, dopo aver lavorato per quindici anni come dipendente dell’azienda Olivetti, decide di entrare in società con suo fratello e fondare a Lucca Italpaghe Toscana. Fin dall’inizio Italpaghe Toscana si distingue sul mercato per essere una realtà particolarmente innovativa nel settore delle tipografie industriali. Una stamperia decisamente all’avanguardia che, pian piano, cresce al punto tale da guadagnare tra i propri clienti anche diversi enti pubblici. I primi problemi sorgono nel momento in cui alcuni enti non pagano Italpaghe. Come se non bastasse, il sistema di valutazione dell’azienda, Basilea 2, inizia a fornire un rating molto basso all’impresa. I tassi alle banche si alzano vertiginosamente e Antonio Catalano si vede costretto a cedere un ramo della società. Basilea 2 è un accordo tra i governatori delle banche centrali dei maggiori paesi industrializzati, stipulato con lo scopo di rendere più efficace il controllo dei rischi legati allo svolgimento dell'attività bancaria, con particolare attenzione alla rischiosità dei crediti concessi alle imprese. Si tratta (come anche Basilea 1) di particolari sistemi di rating che, applicati alle aziende italiane di piccole dimensioni, comportano una serie di complicazioni e impedimenti per le imprese stesse. L’imprenditore Antonio Catalano si definisce una vittima di Basilea 2, vedendosi costretto ad investire denaro e beni personali per evitare il fallimento della sua azienda. L’Italia è davvero pronta, nella situazione in cui si trova ora, a seguire le regole della Convenzione di Basilea così come gli altri Stati membri? Siamo proprio sicuri che l’attuale patto tra produzione e burocrazia sia consono alle necessità della piccola e media impresa? Sono molte le domande, le voci dalla notte disperate e in attesa di risposte che ancora tardano ad arrivare. Continuate a seguire le storie di Voci dalla Notte, vicende drammatiche ma anche atti di volontà e coraggio di imprenditori che hanno deciso di non arrendersi e guardare avanti aspettando di uscire dal buio di questa crisi.Leggi anche Frode Carosello: in primo piano a Voci dalla Notte  La voce dalla notte dell'imprenditore Mario Bortoletto Luca Peotta: una Voce dalla Notte tra le Imprese che Resistono
CONDIVIDI

Società

Quando un imprenditore fallisce come amministratore perché accusato di un reato mai commesso, non ha alcun ammortizzatore sociale cui far riferimento per superare il momento di crisi. Come comportarsi in questi casi? A chi rivolgersi per far valere il proprio punto di vista? Questo è quanto riferito da Paolo Landi, imprenditore fin da ragazzo che, da un giorno all’altro, si è trovato nella spiacevole condizione di dover affrontare una serie di procedimenti giudiziari senza avere alcuna colpa. Un altro drammatico racconto posto sotto i riflettori di Voci dalla Notte, il programma di attualità in onda su Arturo. Condotto dalla giornalista Didi Leoni, Voci dalla Notte pone in primo piano le problematiche sociali ed economiche legate alla crisi del nostro Paese, ascoltando il punto di vista di piccoli e medi imprenditori e di quelle voci che, talvolta, restano prive della giusta considerazione. Quella di Paolo Landi è la storia di un’impresa, Ondaelle (Bologna), che con il passare degli anni è diventata un vero e proprio impero fondato su materiali e accessori di telefonia. Un’impresa in continua crescita nonostante l’andamento altalenante del mercato, ma che ha recentemente subito un duro colpo sulla base di esclusive presunzioni. Tutto inizia con l’irruzione della Guardia Finanza in casa dell’imprenditore bolognese Paolo Landi per una perquisizione. Da quel momento comincia un vero e proprio calvario, non solo per l’imprenditore ma anche per la sua famiglia. Le accuse a lui rivolte sono state di associazione per delinquere di stampo mafioso e frode carosello. Il tutto per aver emesso una fattura pro forma (ovvero un fax) rimasta per troppo tempo sulla scrivania di un cliente dichiaratosi “esportatore abituale”. Per frode carosello si intende un meccanismo fraudolento dell'Iva attuato mediante vari passaggi di beni in genere provenienti ufficialmente da un Paese dell'Unione Europea, al termine del quale l'impresa italiana acquirente detrae l'Iva nonostante il venditore compiacente non l'abbia mai versata. Un’operazione illecita che Paolo Landi non ha mai eseguito, ma per cui ha dovuto, ingiustamente, pagare le conseguenze. Accuse gravi e indebite che fanno cadere l’imprenditore bolognese in una spirale di procedimenti giudiziari e, soprattutto, di imbarazzi per un reato mai commesso. Seguono, poi, varie vicende, compresa una multa da 2 milioni di euro, pignoramenti e mancati crediti, che hanno condotto l’impresa Ondaelle sulla strada del fallimento. Ma Paolo Landi non si è arreso e ha deciso di mettersi di nuovo in gioco in un’altra attività, completamente diversa dalla precedente, in cui è tornato ad investire speranze e coraggio. Non sono certo la determinazione e la voglia di fare a mancare a Paolo Landi, come anche ad altri piccoli e medi imprenditori costretti, troppo spesso, a pagare le conseguenze di azioni che non hanno mai commesso. Qual è, allora, il senso di un accanimento del genere? Non perdete le altre puntate di Voci dalla Notte, racconti di italiani che continuano a resistere alla crisi, cercando di far ascoltare il loro punto di vista, in attesa di veder sorgere una nuova alba.    Se volete anche voi dire la vostra o avete una storia da raccontare, seguiteci sulla pagina di Facebook e su Twitter, oppure scriveteci a: vocidallanotte@ltmail.tv Leggi anche La voce dalla notte dell'imprenditore Mario Bortoletto Luca Peotta: una Voce dalla Notte tra le Imprese che Resistono Qualche domanda a Didi Leoni
CONDIVIDI
Segui Alice su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv